spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
martedì 28 Giugno 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Campionato della Bistecca di Mercatale: nel cuore della manifestazione, fra braci roventi e cotture da azzeccare

    Alle griglie in piazza Vittorio Veneto i Mastri Braciaioli. Il racconto di uno di loro, Tommaso, che quest'anno con Romina ha avuto in regalo una maglietta... speciale

    MERCATALE (SAN CASCIANO) – Incandescente e viva, sfrigolante e luminosa.

    La brace mette a dura prova la resistenza degli addetti alle griglie che, nonostante le alte temperature e il sudore, cuociono in modo impeccabile le bistecche dei partecipanti al Campionato della Bistecca di Mercatale.

    Un’edizione, quella di venerdì 10 e sabato 11 giugno, che ha visto un’affluenza inaspettata. E che ha esaltato la capacità dei volontari addetti alla cottura delle carni: i Mastri Braciaioli.

    Curiosi di conoscere aneddoti e organizzazione, siamo andati da uno di loro, Tommaso, per farci raccontare i trucchi necessari alla cottura perfetta della bistecca.

    E le sensazioni che ha risvegliato il ritorno in piazza dopo anni di stop.

    Campionato della Bistecca 2022

    “È stato davvero emozionante – inizia Tommaso ripensando a come è stato rivedere la piazza di Mercatale stracolma di persone – Poter tornare, dopo due anni di restrizioni, a bere un buon bicchiere di vino rosso e mangiare un’ottima bistecca dei macellai del paese ha significato molto. Per i partecipanti e per i volontari”.

    Il suo sorriso potrebbe bastare a far capire quanto sia stimolante essere uno dei Mastri Braciaioli, ma noi vogliamo capire quali sono i segreti di un gruppo così eterogeneo.

    “È vero, siamo tanti e apparteniamo a diverse generazioni – racconta Tommaso – Quest’anno ci sono stati molti nuovi innesti, ed è davvero interessante veder collaborare quelli con maggiore esperienza e le nuove leve. Le colonne portanti sono senza dubbio coloro che sono alle griglie dalla prima edizione. Sono fondamentali nell’organizzare il gruppo e guidare i nuovi per svolgere il compito nel miglior modo possibile”.

    Ciò che descrive ci fa ripensare alle domande che chiunque, seduto ai tavoli a mangiare la bistecca, si pone guardando la maestria con cui si muovono.

    I componenti del gruppo lavorano con ordine sull’asfalto stradale prestato per l’occasione a fungere da base solida per le pesanti griglie.

    “Essendo tanti – aggiunge – è necessaria una precisa organizzazione. Ci sono sei postazioni alle griglie e altrettante coppie che smistano e cuociono le bistecche. Poi ci sono i tavoli per il taglio e il condimento della carne e gli addetti alla brace: questi sono sempre pronti a creare e mantenere i tizzoni ardenti per cuocere al meglio le bistecche”.

    Tommaso poi ci racconta come la leggerezza sia alla base del funzionamento della parte più calda, in tutti i sensi, dell’evento: “Si respira un clima di festa, come a mio avviso è giusto che sia in manifestazioni di questo tipo. Momenti goliardici e allegri sono fondamentali per far sì che lo spirito dei Mastri Braciaioli passi di generazione in generazione”.

    Uno spirito travolgente che contagia tutti coloro che passano intorno alla porzione della piazza addetta alla cottura della carne. Una piazza che, in questa edizione, è stata riempita da una quantità di persone come mai si era visto.

    “Siamo rimasti sbalorditi – commenta alzando le sopracciglia – Venerdì le presenze hanno seguito il trend delle scorse edizioni, ma sabato sera abbiamo accolto un quantitativo di persone del tutto inaspettato, rendendoci sorpresi e felici. Proprio perché non ci aspettavamo una tale affluenza ci sono stati piccoli momenti di confusione, ma comunque il gruppo di volontari è riuscito a gestire il tutto nel migliore dei modi”.

    Campionato della Bistecca 2022

    “Ovviamente – tiene a dire – essendo una festa di paese, ci sta di aspettare una mezz’ora in più rispetto a un ristorante per essere serviti. Credo però che sia normale e, anzi, rappresenti uno degli aspetti caratterizzanti manifestazioni del genere: mangiare in una bellissima piazza, all’aperto, in un’atmosfera gioiosa, insieme ad amici e parenti accompagnati dalla musica dal vivo. Cos’altro dire…”.

    Non possiamo che dargli ragione. E non possiamo esimerci da chiedergli le emozioni che hanno provato lui e Romina, successivamente al regalo che la “famiglia” del Campionato della Bistecca ha riservato per loro.

    “Per noi è stata un’edizione speciale – sorride Tommaso – immersa tra tutte le cose da fare nella settimana precedente al matrimonio. Anche in questo la squadra dei Mastri Braciaioli ci ha dato una grossa mano, visto che in un gruppo così affiatato ciò che non fa uno fa l’altro. Per non parlare dei bei momenti che, nel corso delle due serate, ci hanno dedicato. Alla sorpresa di magliette personalizzate hanno unito festeggiamenti attraverso i microfoni del gruppo che suonava dal vivo, svariati brindisi, auguri e battute”.

    “Battute che peraltro non mancano mai – continua facendo di nuovo riferimento al gruppo alle griglie – Ci divertiamo e far parte di un gruppo del genere è travolgente. Per fare un esempio, tre braciaioli che il sabato sera si sarebbero dovuti sedere ai tavoli anziché stare alla griglia, come avevano fatto la sera precedente, si sono talmente divertiti che hanno deciso di ricoprire quel ruolo anche il giorno successivo. È vero, è stancante, ma vedere il paese così vivo, le persone divertirsi in piazza e mangiare ottime bistecche e bere buoni vini ci dà una grande energia”.

    Viene quasi già voglia di sapere… quando e come sarà il prossimo anno: “Forse è un po’ presto per dirlo – risponde Tommaso – visto che dobbiamo ancora finire di sistemare e smontare ciò che abbiamo utilizzato per questa edizione, però delle modifiche andranno fatte; ad esempio, una di queste potrà essere quella di creare più posti a sedere, vista l’affluenza di quest’anno, e in generale altri piccoli aggiustamenti. Alcune idee ci sono già, ma avremo tempo di parlarne”.

    Noi non vediamo l’ora di essere di nuovo lì e ringraziamo lui e tutti i Mastri Braciaioli per rendere possibile tutto questo: “Grazie a voi. E sappiate che la brace è sempre calda, pronta ad accogliervi anche il prossimo anno!”.

    Campionato della Bistecca 2022

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...