spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
lunedì 29 Maggio 2023
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Castelli del Grevepesa, impressioni al ritorno dal Vinitaly: “Clima coinvolgente ed operatori con voglia di riscatto”

    "Il Chianti Classico - dicono dal loro "quartier generale" - si conferma sempre un vino leader del mercato vitivinicolo"

    SAN CASCIANO – E’ un rientro a casa, dal Vinitaly di Verona al “quartier generale”, molto dolce quello dei Castelli del Grevepesa.

    “La più grande famiglia del Chianti Classico” commenta infatti così, a caldo, l’andamento di uno degli appuntamenti più importanti dell’anno.

    “E’ sempre una fiera importante – iniziano – che coinvolge tantissimi operatori italiani e stranieri. Siamo molto soddisfatti sia in termini di consolidamento rapporti clienti storici, sia
    per nuovi contatti che ci consentono di ampliare la nostra presenza sul mercato
    italiano e straniero”.

    “Buona – riprendono – l’affluenza di clienti stranieri, grazie anche ad un’accurata agenda di appuntamenti pre-organizzata. Il clima generale? Molto più coinvolgente dello scorso anno, con gli operatori positivi e con voglia di riscatto”.

    “Il Chianti Classico – tengono a sottolineare – si conferma sempre un vino leader del mercato vitivinicolo. E abbiamo confermato l’ottima qualità dei nostri prodotti. Con nuovi contatti rispetto agli scorsi anni, sia per nuovi clienti che per nuove collaborazioni”.

    “Il pubblico – concludono da Castelli del Grevepesa – più ordinato e competente. Purtroppo la scelta della settimana pre pasquale ha costretto taluni operatori a ridurre i giorni di presenza in fiera, oppure a rinunciare, ma è stato comunque un Vinitaly che ci ha trasmesso energia positiva”.

    ©RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...