spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
martedì 23 Luglio 2024
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    La grande cena post Carnevale Medievale cucinata dal gruppo cinghialai di Mercatale

    Ancora una volta i cacciatori mercatalini hanno stupito per la loro capacità di cucinare al meglio in... grandissime quantità

    SAN CASCIANO – Dopo il grande impegno e le fatiche di domenica 3 aprile, le contrade del Carnevale Medievale Sancascianese, tolti i pesanti panni di scena, si sono date appuntamento per la cena con la contrada vincitrice, la Torre, al Parco Dante Tacci del “Poggione”.

     

    Qui ad attenderli tra pentoloni, paste al sugo e carne alla brace, non c’erano esperte massaie, ma un nutrito numero di uomini. Anche loro assai esperti non solo nella caccia, ma anche a cucinare.

     

    Sono stati infatti i componenti del G.S. Caccia al cinghiale di Mercatale che hanno messo a tavola quasi trecento persone.

     

    Non sono comunque nuovi a questo tipo d’impegno di volontariato: il gruppo è composto di 91 iscritti che proprio in questi giorni ha visto il cambio al vertice del presidente.

     

    Mauro Piccini, che è stato il fondatore di questo gruppo sportivo di cacciatori, ha lasciato il testimone a un altro valido presidente, Mauro Pampaloni, che condivide la passione per la caccia con l’impegno come Fratello della Misericordia di San Casciano (oltre a fare il nonno). Al presidente uscente (e ovviamente al nuovo), i migliori auguri anche da parte della redazione del Gazzettino del Chianti.

    di Antonio Taddei

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...