spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
sabato 25 Giugno 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Chianti: al via un progetto di prevenzione e contrasto delle molestie nei luoghi di lavoro

    A tutela delle lavoratrici. Il progetto nasce dalla collaborazione tra Commissione Pari Opportunità di San Casciano, Tavolo Politiche di genere e Oxfam Italia. Domani la presentazione

    SAN CASCIANO – Come prevenire e contrastare le molestie nei luoghi di lavoro?

    Il Chianti fiorentino prova ad arginare un fenomeno sempre più diffuso, nella sfera professionale pubblica e privata della donna, attraverso un nuovo percorso territoriale che mette in campo azioni di contrasto alle molestie sessuali, agli abusi, alle discriminazioni nei luoghi di lavoro.

    La risposta è l’attuazione di un progetto promosso e curato dalla Commissione Pari Opportunità di San Casciano, dal Tavolo Politiche di Genere e Oxfam Italia, finanziato con fondi della Commissione europea, che si propone di promuovere una rete di relazioni con il tessuto economico-produttivo del Chianti attraverso il coinvolgimento di aziende di varie dimensioni con l’obiettivo di promuovere contesti inclusivi e pratiche concrete, attente ai bisogni delle lavoratrici e dei lavoratori nei territori interessati.

    Del fenomeno e degli strumenti per combattere una delle piaghe più radicate a danno della dimensione professionale femminile si parlerà nell’incontro previsto venerdì 22 ottobre alle 18.30 nella sala polivalente del Circolo Arci di San Casciano (via dei Fossi).

    L’iniziativa pubblica, ad ingresso libero, con esibizione del green pass, prevede gli interventi del sindaco di San Casciano Roberto Ciappi, dei partner che hanno collaborato all’organizzazione dell’evento la Commissione Pari Opportunità del Comune di San Casciano rappresentata dalla presidente Paola Malacarne.

    Il Tavolo Politiche di Genere del Chianti di cui esponente istituzionale è Laura Cioni, la CGIL Chianti di cui responsabile è Laura Scalia che interviene per le organizzazioni sindacali, Simona Rigoni, responsabile delle Risorse umane e sistema di tutela Oxfam Italia, l’assessora regionale alle Politiche di Genere Alessandra Nardini.

    “In questa occasione – commentano gli organizzatori dell’iniziativa – presenteremo il primo passo di un progetto di prevenzione e contrasto alle molestie alle violenze e luoghi di lavoro destinato al coinvolgimento e la partecipazione attiva delle aziende che insistono nei nostri territori”.

    “Il progetto Teamwork, un’iniziativa europea, finanziata dalla Direzione Generale Giustizia e Consumatori della Commissione Europea –  dichiara Simona Rigoni di Oxfam Italia – mira a rafforzare i sistemi necessari a contrastare le molestie e le discriminazioni sul posto di lavoro, consentendo ai professionisti e alle professioniste delle risorse umane, alle lavoratrici ed ai lavoratori di riconoscere e affrontare i casi,  l’obiettivo è creare una cultura di tolleranza zero a questo fenomeno nei propri contesti lavorativi e nelle reti aziendali, organizzative e istituzionali”.

    La Commissione Pari Opportunità di San Casciano e il Tavolo Politiche di Genere del Chianti, costituito cinque comuni di area fiorentina e tutte le sigle sindacali, promuovono e ampliano i contenuti di quest’iniziativa sul territorio del Chianti al fine di aumentare la consapevolezza dell’esistenza di molestie e discriminazioni sul luogo di lavoro, incentivare la creazione e lo sviluppo di buone pratiche organizzative di prevenzione e contrasto al fenomeno.

    La serata sarà arricchita da alcune letture di storie straordinarie di ordinaria discriminazione con la partecipazione dell’attore di Azzurra Andrea Costagli. È consigliata la prenotazione occorre contattare marianella.lippi@oxfam.it.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...