spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
venerdì 14 Giugno 2024
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Cinque pani e due pesci: accoglienza di minori, disabili, famiglie in difficoltà

    Esperienza che nasce nel 1988, un vero modello in Toscana. L'assessore Masti: "Bene prezioso sul nostro territorio"

    SAN CASCIANO – Il disagio si previene e si contrasta con la rete di collaborazioni tra associazioni locali e amministrazione comunale.

     

    “Uno degli esempi più virtuosi nel nostro territorio – commenta l’assessore alle politiche sociali Elisabetta Masti – è dato dall’attività volontaria dell’associazione “Cinque pani e due pesci” che interviene in una delle problematiche attuali di maggior rilievo, la gestione della povertà educativa da parte di famiglie in condizioni di fragilità sociale, psicologica ed economica”.  

     

    L’associazione, convenzionata con il Comune di San Casciano, ha lo scopo di promuovere lo studio, l’animazione e le attività di volontariato per l’accoglienza di persone in difficoltà, minori, anziani, disabili, in ambienti di tipo familiare.

     

    Il sostegno alle famiglie si realizza attraverso l’attività di prevenzione, aiuto e accoglienza, ispirata dai principi della fede cristiana.

     

     

    L’associazione sperimenta forme innovative di sostegno all’emarginazione e al disagio sociale, intervenendo in particolare nelle aree minori e handicap. I volontari condividono momenti di formazione e di vita comune, sviluppando una rete di solidarietà a sostegno dell’attività associativa.

     

    "Cinque pani e due pesci" svolge la propria attività nelle singole famiglie, tramite l’affidamento di minori e disabili e il sostegno a famiglie in difficoltà e comunitariamente dalle famiglie e da volontari.

     

    L’associazione organizza nel periodo estivo vacanze in varie località cui partecipano alcune famiglie e gli ospiti. Da ottobre a maggio le attività si svolgono il fine settimana con il sostegno allo studio, giornate di festa e nella settimana con accoglienze part-time.

     

    “L’esperienza di accoglienza nasce nel 1988 e porta nel 1991 alla costituzione dell’Associazione  – spiegano i volontari – l’attività si rivolge a differenti aree del disagio sociale tra cui i minori, sostenuti attraverso l’affidamento residenziale, la formazione di gruppi il sabato per il sostegno scolastico e l’animazione, i soggiorni estivi; l’altra area è quella dei disabili che supportiamo con l’affidamento residenziale, i gruppi del sabato per il sostegno alla vita indipendente, i soggiorni estivi, la terza sezione è relativa alle famiglie in difficoltà, in questo caso interveniamo con l’accoglienza residenziale, gli incontri periodici di sostegno, la consegna di generi alimentari”.

     

    L'associazione ha sede in via Volterrana a San Casciano. Info: 055 827435.

    di Redazione

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...