spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
sabato 26 Novembre 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Grosso cipresso si abbatte nel parcheggio del cimitero di San Casciano

    Per fortuna a sera tarda, senza auto né persone: intervento de La Racchetta per rimuoverlo

    SAN CASCIANO – Ancora il forte vento è stato protagonista nella tarda serata di lunedì 25 febbraio, quando inaspettatamente un grosso cipresso si è abbattuto sul viale d’ingresso al cimitero di San Casciano, in via Scopeti.

     

    Erano circa le 19 quando è arrivata la segnalazione alla polizia locale da parte di un cittadino residente nella zona, che si è visto la strada sbarrata dal grosso cipresso (oltre infatti ci sono abitazioni).

     

    La polizia locale arrivata sul posto ha fatto intervenire una squadra reperibile della Protezione civile de “La Racchetta” con sede a San Casciano.

     

     

    L’intervento dei volontari è stato veloce, tanto che In poco tempo la strada è stata liberata, ma si sono accorti che il cipresso accanto a quello abbattuto rischiava di crollare tra una raffica di vento e l’altra.

     

    Ecco allora la decisione di abbattere anche l’altro. Un'operazione non poi così facile, visto anche la zona priva di illuminazione.

     

    È stato così azionato il generatore in dotazione al mezzo e, con dei potenti fari, è iniziata l’operazione portata avanti con successo, in quanto il grosso tronco è stato fatto cadere in tutta sicurezza sulla strada, evitando che andasse a cadere nel campo sottostante con il rischio di abbattere delle piante di olivo.

     

    Abbattuto e segato il lungo tronco, è stata ripulita la sede stradale. Il tutto è finito poco prima delle 21. 

    di Antonio Taddei

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...









    I Cammini dell'Acqua