spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
venerdì 14 Giugno 2024
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Come diventare event planner: molti partecipanti al corso della Festa del Volontariato

    Otto incontri dal 6 marzo all'1 aprile. Fra i docenti del corso professionisti ed esperti di spicco nel panorama nazionale

    SAN CASCIANO – Non bastano creatività e intraprendenza per orchestrare un evento. La capacità di accordare tutti i suoni ed esprimere al meglio le potenzialità comunicative e artistiche è qualcosa che si impara sul campo ma necessita di uno specifico percorso formativo.

     

    Sono una trentina i giovani, tra i 20 e i 35 anni, che aspirano a diventare "event planner" partecipando al corso base per l’organizzazione e la gestione di eventi promosso dalla Festa del Volontariato sancascianese, dal Comune, in collaborazione con la Pro Loco.

     

    Ricercatori, laureati, operatori turistici, comunicatori con la voglia di mettersi in gioco, conoscere e affinare gli strumenti per coltivare una passione o realizzare un’opportunità lavorativa nel settore dell’organizzazione degli eventi.

     

    I partecipanti, che ieri sera (lunedì 4 marzo) nella sala consiliare del palazzo comunale hanno formalizzato la loro adesione al mese di full immersion, costituito da otto incontri in programma dal 6 marzo all'1 aprile, arrivano da più parti della Toscana, molti da San Casciano, alcuni dai comuni limitrofi come Tavarnelle, Impruneta, Scandicci e da altri territori dell’area fiorentina, Empoli, Sesto Fiorentino, Pontassieve.

     

    Tante e diversificate le motivazioni che hanno spinto i ragazzi ad iscriversi al corso. Sono giovani che operano nel mondo della musica, al teatro, alla danza, all’accoglienza, alla convegnistica in campo scientifico e al wedding.

     

    Il corso è stato illustrato dal presidente della Festa del Volontariato Daniele Cavari, la vice Mariangela D’Avino, l’ideatore dell’iniziativa Francesco Guarducci e uno dei relatori Roberto Ciappi, esperto nella gestione degli eventi e assessore all’associazionismo, feste, eventi e tradizioni popolari, con il quale partiranno i primi due incontri.

     

    “Organizzare eventi per aiutare chi ha più bisogno è una passione totalmente volontaria che ci assorbe da oltre dieci anni – dichiara il presidente Daniele Cavari – la Festa del Volontariato, costituita da più di venti associazioni e 300 volontari, ha messo in piedi questa iniziativa sulla scia dell’esperienza positiva della prima edizione promossa dal Comune".

     

    "La nostra idea – specifica – è quella di cercare energie nuove con le quali fare gruppo, confrontarsi e mettere in circolo idee e impegno per far crescere la Festa del Volontariato che ha una struttura solida, tanto da essere riuscita nell’intento difficilissimo di destinare oltre centomila euro a numerosi progetti di cooperazione e solidarietà in Italia e nel mondo".

     

    "La rete della Festa del Volontariato – rimarca Cavari – si nutre della passione e della generosità delle persone. Per i giovani iscritti al corso non sarà solo un campo di prova, a titolo di stage nella prima settimana di settembre, ma uno spazio aperto e costante in cui mettere a frutto le conoscenze acquisite durante il corso e sperimentare capacità e spirito altruistico”.

     

    I primi appuntamenti, il 6 e l’11 marzo, tenuti dall’assessore Roberto Ciappi, saranno incentrati sulla teoria generale e gli aspetti burocratici.

     

    “In questo settore non ci si può improvvisare – aggiunge l’assessore – è fondamentale conoscere ogni elemento, dalla creazione alla progettazione artistica e alla realizzazione tecnica dell’evento, che assicuri il rispetto delle normative vigenti in materia giuridica, autorizzativa e legata alla sicurezza”.

     

    Il corso è strutturato in modo da offrire un’ampia gamma di approfondimenti sui temi della programmazione e della direzione artistica, sulla logistica, il marketing, la comunicazione, gli aspetti audio.

     

    “Uno dei punti di forza di questa attività – specifica Francesco Guarducci – è la partecipazione, in quanto "docenti", di illustri professionisti ed esperti del settore nel panorama nazionale. Crediamo che l’esperienza e la professionalità siano le migliori forme di testimonianza, efficaci e dirette, per chi vuole intraprendere questo percorso, abbiamo coinvolto alcune delle figure di maggior spicco tra cui Leonardo Giacomelli della società Le Nozze di Figaro, Claudio Benelli della Omikron Audio Service, Alessandro Gallicchio, Lorenzo Buzzigoli e Costanza Castiglioni della Black Candy Records, Massimo Gramigni, presidente dell’associazione Nelson Mandela Forum”.

     

    Al termine del corso i giovani saranno coinvolti nella programmazione dell’edizione 2019 della Festa del Volontariato sancascianese in collaborazione con Black Candy Records.

     

    Nel mese di marzo gli appuntamenti si terranno il 13, il 18 il 20, il 25 e il 27. Ultima serata formativa, l’1 aprile, in cui è previsto un test finale. Info: 055 8256380.

    di Redazione

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...