spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
domenica 2 Ottobre 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Teatro stracolmo per Maurizio Viroli: ogni sabato alle 17.30 un appuntamento (gratuito)

    SAN CASCIANO – Ancora è presto per cantare vittoria ma se, come si dice, il buongiorno si vede dal mattino… sarà un giorno radioso.

     

    Teatro Niccolini stracolo ieri (300 persone), sabato 19 ottobre, per la prima delle nove conferenze che fino al 14 dicembre si terranno ogni sabato (alle 17.30, ingresso gratuito) e sulle quali l'amministrazione comunale sancascianese ha scommesso molto.

     

    A cinquecento anni dalla scrittura del “Principe” infatti, il Comune di San Casciano (con Editori Laterza, in collaborazione con il Comitato per le Celebrazioni del V centenario de “Il Principe di Machiavelli”, il patrocinio di Regione Toscana e Provincia di Firenze, il contributo di ChiantiBanca e Toscana Energia) si propone di riscoprire uno dei libri più letti al mondo con un ciclo di nove lezioni condotte dai protagonisti della cultura italiana che rileggono in chiave contemporanea il significato della celebre opera di Niccolò Machiavelli.

     

    Ieri la prima delle nove, tenuta da un applauditissimo Maurizio Viroli. Che ha incantato il pubblico introducendolo all’attualità del significato del “Principe” con una lettura volta a presentarlo non come il manifesto del realismo che ha inaugurato la moderna scienza politica, ma come un'orazione civile finalizzata a contribuire alla redenzione dei popoli.

     

    La prima lezione, come documentano anche le foto, ha avuto un enorme successo: presentato da Ludovico Steidl delle Edizioni Laterza, ecco Maurizio Viroli. Che insegna Comunicazione politica all’Università della Svizzera italiana e Government alla University of Texas at Austin.

     

    "Il Principe – ha detto – non è infatti il manifesto del realismo che inaugura la moderna scienza della politica proclamando l’autonomia della politica all’etica; è invece un’orazione sulla redenzione dell’Italia e proprio in questo sta la sua attualità: nell’aspirazione alla grande politica che sa redimere i popoli".

     

    Alla fine tanti applausi per Viroli che si è intrattenuto successivamente a firmare copie dei suoi libri su Niccolò Machiavelli: libri che è stato possibile acquistare grazie alla collaborazione della libreria Carlo Lotti che ha allestito all'ingresso del Teatro uno spazio vendita.

     

    Il prossimo appuntamento è per sabato 26 ottobre, ospite Emilio Gentile: tema "Machiavelli e i tiranni". Le lectiones successive ruotano intorno agli approfondimenti di altri illustri esperti e docenti universitari tra cui Roberto Esposito, Gastone Breccia, Carlo Ossola, Adriano Prosperi, Nicoletta Maraschio, Ottavia Niccoli. La serata di chiusura, in programma il 14 dicembre, è affidata a Giuliano Amato.

     

    Raggiante il sindaco di San Casciano Massimiliano Pescini: "Ripagato l'impegno di tanti, per una qualità delle lezioni eccezionale. L'invito per tutta la comunità è ad approfittare di questa occasione irripetibile. Le lezioni completano un ritratto dell'uomo e dell'opera sua".

    di Antonio Taddei

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...