spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
giovedì 6 Ottobre 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Di nuovo imbrattata la Torre del Chianti, a San Casciano: dove spunta anche un palo da vigna in cemento

    E’ successo di nuovo, dopo quanto avvenne nel dicembre del 2019, con scritte blasfeme e bestemmie urlate dentro la chiesa, per impaurire le suore di clausura

    SAN CASCIANO – L’angolo dietro la Torre del Chianti, in viale San Francesco a San Casciano, al riparo di occhi indiscreti, sembra particolarmente piacere ai vandali.

    Ma anche a chi, preso improvvisamente da bisogni impellenti, lo preferisce ai vicini bagni pubblici di piazza della Repubblica.

    E’ successo di nuovo, dopo quanto avvenne nel dicembre del 2019, con scritte blasfeme e bestemmie urlate dentro la chiesa, per impaurire le scuore di clausura del monastero.

    # Offese e bestemmie in chiesa, suore spaventate. Arrivano i carabinieri

    # Bestemmie nel monastero delle Clarisse. Le suore: “No, non abbiamo paura”

    Adesso pare proprio che ci risiamo, con la comparsa di un numero consistente di scritte alla base della Torre del Chianti.

    Il vecchio piezometro, a lato della chiesa di San Francesco, che oltre a mantenere ancora la sua funzione acquedottistica, è anche diventato da anni una splendida terrazza panoramica.

    Da cui si gode una vista magnifica su tutto il territorio circostante.

    Come come se non bastasse il degrado causato dalle scritte, vi è stato portato anche un grosso palo da vigna in cemento.

    Chissà, oltre alla stupidità di toglierlo da dove stava, la fatica che avranno fatto per portarlo lì.

    E poi… a quale scopo? 

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...