spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
giovedì 6 Ottobre 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Dibattito organizzato dai Giovani democratici: presenti anche dottori e psicologi

    SAN CASCIANO – Un dibattito sul gioco d'azzardo: è quello che si svolgerà domani sera, martedì 9 luglio, alle 22.30 al Tribù Bar della festa del Pd al Parco "Dante Tacci" (Poggione), organizzato da Guido Gamannossi dei Giovani democratici di San Casciano.

     

    "L'azzardo non è un gioco", questo il titolo della serata alla quale parteciperanno il consigliere regionale del Partito democratico Enzo Brogi, il dottor Giovanni Tavanti (referente del SerT Sud Est 1 di Antella), la dottoressa Irene Puppo (psicologa SerT Firenze 2 di piazza del Carmine, referente dell'ambulatorio per il gioco d'azzardo).

     

    "La parola ”gioco” – spiegano gli organizzatori – non dovrebbe mai essere accostata alla parola “azzardo”. Il gioco è felicità, bellezza, condivisione e non potrà mai portare al suicidio. L’azzardo è soltanto una malattia. Vogliamo che queste parole siano chiare a tutti e che i numeri assurdi del gioco d’azzardo in Italia e in Toscana vengano drasticamente diminuiti nei prossimi anni. Questa malattia sottrae tempo prezioso alla famiglia, al lavoro, alla vita; restituiamo questo tempo a chi ne è vittima. Noi vogliamo reagire di fronte a tutto questo".

    di Redazione

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...