lunedì 28 Settembre 2020
Altre aree

    Il sancascianese Malik Kebe finisce sulla pagina Facebook di Matteo Salvini come simbolo di non-razzismo

    Nel 2019 era fra i candidati al consiglio comunale nella lista San Casciano Civica, a sostegno del candidato sindaco Luigi Venzi. Raccogliendo a urne scrutinate 11 preferenze

    SAN CASCIANO – C’era anche Malik Kebe, senegalese ma ormai sancascianese a tutti gli effetti, all’incontro con il leader della Lega Matteo Salvini, venerdì 7 agosto a Villa I Barronci.

    Fotografato mentre si scatta un selfie con Salvini, Malik Kebe è divenuto una sorta di simbolo del non-razzismo del leader leghista.

    Che ha pubblicato la foto insieme a Kebe, con il territorio del Chianti Classico sullo sfondo, con questo commento.

    “La miglior risposta all’odio e al rancore di una certa sinistra è questa: un grande e democratico sorriso”.

    Foto postata da circa un giorno e che alle 21.45 di oggi, lunedì 10 agosto, ha raccolto 41.970 Mi Piace, 2.677 condivisioni e 3.378 commenti.

    Foto ripresa anche, fra le altre, da una delle tante pagine satiriche su politica e politici, in questo caso “Leggere i post di Salviniandfriends per sentirsi una persona migliore”.

    Con un commento ironico: “Non sono [inserire parola a piacere] ma…”.

    Sulla pagina “Leggere i post di Salviniandfriends per sentirsi una persona migliore”

    Dal canto suo Malik Kebe ha fatto così il suo… “ingresso” nel dibattito politico italiano.

    Sulla pagina più seguita in assoluto nella politica nazionale e, probabilmente, europea, con oltre 4 milioni di follower.

    Lui che si è impegnato anche nella politica locale. E che  nel 2019 era fra i candidati al consiglio comunale nella lista San Casciano Civica, a sostegno del candidato sindaco Luigi Venzi. Raccogliendo a urne scrutinate 11 preferenze.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...

    Sostengono Il Gazzettino