giovedì 13 Agosto 2020
Altre aree

    Esca topicida nei vasi di fiori del centro di San Casciano? I vigili stanno facendo svolgere le analisi

    Rinvenute nei giorni scorsi delle "granaglie" rosse che sembrano davvero veleno per topi. In un luogo alla portata di tutti, in particolare bambini

    SAN CASCIANO – Un po’ di granaglie rosse, trovate in un vaso di rose lungo via Morrocchesi, nel pieno centro storico di San Casciano, hanno insospettito una signora che stava passeggiando tenendo per mano un bambino.

    Tanto che ha voluto accertarsi su cosa fossero quei “semi” colorati nel vaso a portata di mano di bambino, ma anche di qualche cane.

    Che cosa poteva essere? Forse un’esca topicida? Ma chi poteva aver messo lì il potente veleno?

    Abbiamo chiesto ai negozianti lì vicino se qualcuno, inconsapevole del pericolo, avesse pensato di mettere lì un’esca velenosa per topi, ma è emerso solo stupore di un gesto così potenzialmente sconsiderato.

    Intanto quelli che all’apparenza sembrano dei chicchi di grano rosso, sono stati rimossi e portati alla polizia locale del Comune di San Casciano.

    Che farà svolgere le analisi per capire se si tratta davvero di veleno per topi. Nel caso che venisse confermata questa ipotesi, la mano che li ha lasciati lì sarebbe a dir poco incosciente.

    Da una ricerca rapida che abbiamo condotto, sia in rete che consultando esperti nel settore delle disinfestazioni e derattizzazioni, pare proprio che si tratti di “granaglie” anti topi.

    Che se ingerite provocano effetti relativi alla non caoagulazione del sangue. Non mortali per l’uomo, ma comunque molto pericolosi. Soprattutto se a ingerirli fosse, ad esempio, un bambino.

    In attesa di conoscere l’esito delle analisi invitiamo comunque a segnalarne alle autorità preposte la presenza, nel caso vengano rinvenute in altri vasi. E, ovviamente, a non toccarle.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...

    Sostengono Il Gazzettino