spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
martedì 16 Luglio 2024
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    I 40 anni de La Racchetta di San Casciano: sabato 17 marzo la grande festa

    Dalle 10. L'occasione per dire grazie a tutti questi volontari che con le loro attività ci tengono al sicuro

    SAN CASCIANO – C’è un gran daffare nella sezione di via delle Rose dell’associazione di volontariato (antincendi boschivi e protezione civile) La Racchetta di San Casciano.

     

    Dove i soci stanno mettendo a punto gli ultimi preparativi in attesa dell'attesissima festa per il 40esimo anno dalla fondazione, che si svolgerà sabato 17 marzo a partire dalle 10.

     

    La sezione di San Casciano de La Racchetta viene costituita nel 1978, diventando in breve tempo una delle 31 sezioni più grandi e importanti tra le dieci in provincia di Firenze: altre quattro in provincia di Arezzo, quattro in provincia di Grosseto, una in provincia di Livorno (Elba), due in provincia di Pisa, dieci in provincia di Siena.

     

    IL CONSIGLIO – Dell'associazione. Nella sede al Poggione

     

    Le attività principali sono l’avvistamento e lo spegnimento degli incendi boschivi, grazie anche a una potente telecamera di sorveglianza e avvistamento incendi sul territorio.

     

    Si tratta di una telecamera installata sulla Torre dell’Acqua, alta circa 34 metri. La telecamera è stata messa al servizio della sezione che ha la possibilità di utilizzare l’apparecchiatura e visualizzarne i movimenti dalla sede sancascianese, la connessione internet in forma banda larga consente di monitorare ogni immagine dal sito ufficiale. In caso di avvistamento incendi,

     

    La Racchetta di San Casciano può trasmettere le immagini anche alle sale operative A.I.B. SOUP della Regione Toscana e Cop della Città Metropolitana di Firenze. La telecamera, di ultima generazione, gira a 360 gradi è dotata di zoom e attiva e funzionante nella forma day/night h24.

     

    Oggi i volontari in giallo-verde sono in grado di raggiungere in breve tempo il punto dove si è sviluppato l’incendio; soci volontari che non percepiscono alcun tipo di retribuzione o rimborso, operando a titolo totalmente gratuito, partecipando anche ad operazioni di Protezione Civile e pubblica utilità, anche a livello nazionale.

     

    ALL'OPERA – Nelle zone terremotate del centro Italia

     

    Da una semplice roulotte posta sul Poggione la strada fatta è stata davvero tanta: il 30 settembre 2007 è stata inaugurata la nuova base in via delle Rose al 44. Proprio qui, sabato 17 marzo dalle 10, sarà possibile fare una visita e visionare il parco veicolare antincendio e le dotazioni della sezione.

     

    Nella sede sancascianese sono operativi circa 60 volontari. Sette i veicoli a disposizione di cui cinque mezzi attrezzati per l'antincendio boschivo, un furgone per il trasporto delle persone e un nuovo mezzo attrezzato per la protezione civile, che sarà inaugurato sabato 17. Ben 140 gli interventi effettuati nel corso del 2017, tra antincendio e protezione civile.

     

    A quarant’anni dalla fondazione, la sezione di San Casciano, presieduta da Nicola Nesi, ripercorrerà così la sua lunga attività a difesa del territorio.

     

    “L’associazione vive e opera grazie all’aiuto dei soci volontari dei sostenitori – commenta Nesi – al contributo della Regione Toscana e dei Comuni che annualmente stipulano una convenzione per l’intervento de La Racchetta a difesa del territorio".

     

    AL LAVORO – Si libera una strada da un albero caduto durante un nubifragio

     

    "Il nostro – dice con giusto orgoglio Nesi – è un traguardo che celebriamo con i numerosissimi volontari che hanno svolto una preziosa attività nel campo dell’antincendio boschivo e della protezione civile, costituendo un punto di riferimento per la comunità di San Casciano e le autorità locali”.

     

    “Un anniversario importante di un’associazione fondamentale – aggiunge il sindaco di San Casciano Massimiliano Pescini –  per la sicurezza del territorio e il nostro sistema di protezione civile. Un applauso e un grazie a tutti i volontari”.

     

    Ma vediamo il programma completo: ore 10.30 saluto del presidente de La Racchetta; ore 10.45 saluto del sindaco e delle autorità (assieme al sindaco di San Casciano Massimiliano Pescini ci saranno i colleghi chiantigiani David Baroncelli, Paolo Sottani, Giacomo Trentanovi); ore 11.30 inaugurazione e benedizione del nuovo automezzo attrezzato per la Protezione Civile; ore 11.45 visita alla sede operativa; ore 12.30 gran buffet offerto a tutti i partecipanti. Naturalmente l’invito è per tutta la cittadinanza, fino alle 17.

     

    All’iniziativa sono stati invitati il dirigente nazionale Angelo Borrelli, coordinatore della Protezione Civile Nazionale, la Regione Toscana, la Prefettura di Firenze, i Comandanti Provinciali dei Vigili del Fuoco, i Carabinieri, i Carabinieri Forestali, le Sale Operative AIB e Protezione Civile, le Sezioni Regionali de La Racchetta, le associazioni di volontariato di San Casciano e dell’area fiorentina.

    di Antonio Taddei

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...