spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
martedì 23 Luglio 2024
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Una festa incredibile: oltre 400 persone per i 50 anni della Macelleria Secci

    Un buffet aperto a tutti in via IV Novembre, nel pomeriggio di domenica 26 giugno, per celebrare un super traguardo

    SAN CASCIANO – Per una volta in bella mostra dove campeggia la “ciccia” sono apparsi pasticcini, foto in bianco e nero e a colori, riconoscimenti e una bella (e buona) torta decorata in ricordo dei 50 anni di attività della Macelleria Secci.

     

    E’ stata davvero una bella festa quella di domenica 26 giugno, dove via IV Novembre si è animata di tante persone che hanno voluto rendere omaggio alla famiglia Secci (Dario, Mariangela, il figlio Stefano, la nuora Sandra) che con generosità ha festeggiato insieme a più di quattrocento persone i suoi… primi cinquant’anni di attività dietro il banco della macelleria.

     

    Anche il sindaco di San Casciano, Massimiliano Pescini, con l’assessore alle attività produttive Roberto Ciappi, si è intrattenuto per un brindisi; poi la benedizione impartita da padre Damiano, cappuccino del convento di San Casciano, dopodiché la festa è entrata nel vivo.

     

    Non sono mancati momenti emozionati, in particolare quando in negozio sono arrivati i clienti più anziani: come un allevatore di vitelli sancascianese, che per anni ha fornito la carne al Secci.

     

    Così come tanti clienti che, per l’età che avanza, non escono quasi più di casa, ma che in quest’occasione hanno voluto manifestare la loro gioia, tornando con la mente ai tempi felici, quando ancora il cliente si “confessava” con il negoziante.

     

    Una gran festa dunque, che ha riempito di gioia e ha fatto sentire ancora quanto i negozi siano importanti per un paese.  

    di Antonio Taddei

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...