spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
giovedì 30 Maggio 2024
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Festa della Liberazione a San Casciano. Prende il via un ricco calendario di eventi

    Il 25 aprile si apre alle ore 10 con la rievocazione storica a cura dell'Associazione Linea Gotica Pistoiese

    SAN CASCIANO – E’ festa grande a San Casciano per il settantanovesimo anniversario della Liberazione dell’Italia dall’occupazione nazifascista.

    Non solo una cerimonia solenne nel giorno in cui l’intera comunità è chiamata a sancire i valori del 25 aprile ma un ricco programma di eventi che richiamano alla memoria temi, luoghi, personaggi e accadimenti del passaggio del fronte con l’obiettivo di celebrare e condividere una pagina centrale della storia nazionale.

    Una decina gli appuntamenti promossi e organizzati dall’amministrazione comunale che va a comporre il mosaico tricolore, scaturito dal coinvolgimento delle associazioni e delle realtà culturali del territorio, in cui si alterneranno rievocazioni storiche, spettacoli, performances, concerti, proiezioni e incontri letterari.

    Al centro della Festa della Liberazione di San Casciano le donne e gli uomini della Resistenza, ripercorsi e narrati nei luoghi in cui i partigiani lottarono per la conquista della libertà e della democrazia.

    Il 25 aprile si apre alle ore 10 con la rievocazione storica a cura dell’Associazione Linea Gotica Pistoiese.

    Come ogni anno, il ritrovo è presso il palazzo comunale dove è prevista la deposizione della corona alla lapide in ricordo delle vittime dell’occupazione nazifascista.

    Da via Machiavelli partirà, dunque, il corteo che si snoderà per le vie del paese accompagnato dal Corpo Musicale “Oreste Carlini”.

    Dopo la deposizione delle corone al Monumento dei Caduti e alla Pietre d’Inciampo si terranno gli interventi del sindaco di San Casciano Roberto Ciappi e del vicepresidente Andrea Morandi dell’Istituto Storico Toscano della Resistenza e dell’Età Contemporanea.

    La cerimonia proseguirà con la performance teatrale “Onore a voi” a cura di Tiziana Giuliani con il coinvolgimento delle classi 2B e 2C dell'”Ippolito Nievo” guidate dalle insegnanti Francesca Nencioni e Sandra Ancillotti.

    Alle ore 13 le delegazioni dei rappresentanti istituzionali si distribuiranno per la deposizione delle corone al Parco Dante Tacci, al Cimitero Americano, al Tondo delle Corti, a Fabbrica, a Cerbaia, a Valigondoli e al Monumento di Montefiridolfi.

    Nel pomeriggio, alle ore 17, sarà il Circolo Arci San Casciano ad ospitare il Concerto del Corpo Musicale “Oreste Carlini” mentre alle ore 21 il sipario del Teatro Niccolini si alzerà sullo spettacolo “Il sogno di ogni cosa” da Pasolini… pensieri, scritti e influenze” di e con Samuel Osman. Ingresso libero.

    Le corone saranno deposte anche a Mercatale (ore 9) presso il cippo a I Cofferi e dalla casa del popolo di Mercatale prenderà il via la Camminata della Memoria che si concluderà con il tradizionale pranzo sociale presso la CdP mercatalina.

    Le tappe della camminata raggiungeranno i rifugi di guerra presenti nel territorio e più precisamente Salvadonica, Macialunga, Perseto, Pian del Melograno.

    La festa del 25 aprile sarà celebrata a Montefiridolfi, al Monumento ai caduti (ore 12), con la performance teatrale “I Cippi non scritti”.

    Ovvero, il racconto dei tragici fatti avvenuti nel luglio 1944 durante il passaggio del fronte, a cura di Gabriele Sani con la partecipazione delle ragazze e dei ragazzi di Montefiridolfi. Alle ore 12 è prevista la deposizione della corona.

    Ci saranno anche i mezzi dell’Associazione Linea Gotica Pistoiese.

    Il programma delle iniziative si arricchisce della proiezione del nuovo film di Carolina Mancini, prodotto da Anpi sezione XXV Luglio Mercatale, in programma venerdì 26 aprile alle ore 21.

    Al Cinema Everest di San Casciano sarà proiettata la pellicola, realizzata con il contributo del Comune, “A casa nostra c’era la libertà. Rosanna e Dante Tacci” con la quale la regista ripercorre le vicende drammatiche della testimone, figlia dell’antifascista, perseguitato politico, che rifiutò la grazia del Duce. Ingresso libero.

    La cultura della memoria da tutelare e valorizzare con la partecipazione attiva delle nuove generazioni va avanti e si concretizza con il viaggio che dal 2 al 6 maggio condurrà le ragazze e i ragazzi della scuola secondaria di primo grado “Ippolito Nievo” negli ex campi di sterminio nazisti insieme agli insegnanti, ai rappresentanti dell’amministrazione comunale e dell’Associazione Nazionale Ex Deportati Sezione Firenze.

    Ultimo appuntamento del palinsesto promosso dal Comune è la matinée, rivolto alle classi della secondaria di primo grado, al Teatro Comunale Niccolini, in programma il 5 giugno.

    “Quegli uomini e quelle donne. Memorie di guerra e resistenza nel territorio della Val di Pesa e dintorni”, drammaturgia e regia firmate da Tiziana Giuliani, è il titolo dello spettacolo che sarà interpretato dalle ragazze e dai ragazzi della 2B e 2C con il coordinamento delle insegnanti Francesca Nencioni e Sandra Ancillotti.

    L’evento teatrale replicherà in una versione aperta alla cittadinanza alle ore 21.

    ©RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...