spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
mercoledì 28 Settembre 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Bilancio, premi, riconoscimenti (e commozione) in occasione di Santa Cecilia

    SAN CASCIANO – Il Corpo Musicale “Oreste Carlini” ha festeggiato, domenica 24 novembre, come da tradizione la festa di Santa Cecilia, patrona della musica e dei musicisti.

     

    Lo ha fatto eseguendo dei brani di musica sacra durante la messa nella Collegiata di San Cassiano. Subito dopo è seguito il pranzo sociale per i musicanti, i dirigenti, soci e familiari oltre alle autorità, che si è tenuto presso la pizzeria spaghetteria Everest del circolo Acli.

     

    A conclusione il presidente Claudio Gheri ha tracciato il bilancio del Corpo Musicale, iniziando con un ringraziamento sincero al sindaco Massimiliano Pescini per l’aiuto, la disponibilità e la sensibilità nei confronti della Banda.

     

    Ha ricordato il buon esito della festa che si svolge in estate al Parco Dante Tacci (il Poggione), con l’auspicio di riuscire anche per il 2014 a portare avanti l’iniziativa.

     

    Non sono mancati momenti di commozione nel ricordare tutti i soci che sono venuti a mancare, in particolare la prematura scomparsa della giovane componente Lucia Pescini Bruni, ricordata con un lungo applauso. Un saluto è pervenuto anche dagli amici della Banda di Vigo di Fassa gemellati con l’”Oreste Carlini” dal 1992.

     

    E’ stato un successo anche l’accordo con l’Istituto Comprensivo di San Casciano, che ha portato all’interno della scuola i maestri di musica per far conoscere alcuni strumenti musicali agli studenti. Da questa esperienza sono usciti venti giovani allievi che, dopo cinque mesi, hanno partecipato con successo al Raduno Nazionale delle bande a Vinci.

     

    E’ arrivata anche la nuova insegnante di majorette, particolarmente apprezzata dalle giovani allieve.

     

    Infine il momento dei riconoscimenti: a Dino Bandinelli che ha terminato l’attività dopo 68 anni nella Banda, ad Andrea Bruni, Francesco Lazzeri, Alina Jordan da Colonia, tra i più giovani musicanti; a Elena Dei che da poco è diventata dottoressa in farmacia; a Franca Codeluppi e Massimo Lazzeri per 20 anni nella Banda.

     

    Infine un riconoscimento particolare a Ferruccio Gheri per 50 anni nella Banda. A lui, oltre alla targa, è stato consegnato per mano del fratello, il presidente Claudio Gheri, una piccola tromba in argento. Un’ovazione e un grande applauso finalme, che ha visto anche un forte e affettuoso abbraccio tra i due fratelli Gheri.

     

    Un ringraziamento infine anche al Maestro Andrea Gheri e alla signora, che si è pienamente integrata nella grande famiglia della Banda.

    di Antonio Taddei

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...