spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
sabato 3 Dicembre 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Tre dj, video, parrucche, travestimenti. E tanta allegria al Poggione

    Per una sera i contradaioli sancascianesi, alle prese con gli ultimi preparativi per la grande sfida del Carnevale medievale di San Casciano (sfilata il 7 aprile), mettono da parte carri e costumi per indossare i panni, anzi parrucche e accessori, in pieno stile anni ‘70-‘80.

     

    A centinaia riempiranno il tendone attrezzato allestito nel Parco del Poggione  per inaugurare la tanto attesa Primavera con una maxi festa a tema in programma sabato 23 marzo alle ore 21.

     

    Associazione Laboratorio Amaltea e contrade di San Casciano (Cavallo, Gallo, Giglio, Leone e Torre), con il patrocinio del Comune, siglano l’organizzazione della "Festa di Primavera" che ha l’obiettivo di raccogliere fondi a favore della rievocazione storica che si terrà domenica 7 aprile.

     

    A tutti i partecipanti della serata è richiesto un requisito obbligatorio: la stravaganza. “Chi decide di far festa insieme a noi in nome della bella stagione – spiegano gli organizzatori  – deve appellarsi allo stile dell’insolito: parrucche e accessori, come occhiali, cinture, cappelli, bijoux, borse, portafogli, saranno i veri protagonisti della prima edizione della Festa della Primavera di San Casciano e i creatori che riusciranno più a stupirci saranno premiati con sorprese altrettanto curiose e fuori del comune”.

     

    Il divertimento è assicurato con alcuni dei dj set più euforici del territorio. Alla consolle si alterneranno i Badagigi Brothers, Frenk e Samu, Stefano Fornera, autore di un video che ripercorre gli anni ’70-'90 e che verrà proiettato nel corso della serata. Ingresso 8 euro.

     

    di Redazione

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...







    I Cammini dell'Acqua