spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
sabato 13 Luglio 2024
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Ruffini, Hendel, il Circo Nero, il rock agricolo: sarà una super Festa del Volontariato

    Dal 3 al 10 settembre al Poggione, tutte le sere aperto lo stand gastronomico

    SAN CASCIANO – La comicità di Paolo Ruffini e quella di Paolo Hendel, la musica dei 99 Posse, le suggestioni del Circo Nero.

     

    Tutto in un'unica kermesse, in un unico luogo: la Festa del Volontariato sancascianese al Parco Tacci "Il Poggione" presenta un programma incredibile, con serate da non perdere. E con il lancio di un'iniziativa di raccolta fondi per i territori terremotati, i cui dettagli saranno diffusi nei prossimi giorni.

     

    Si parte sabato 3 settembre con la Brigata del Fuego del "Circo Nero"; domenica 4 settembre c'è lo spettacolo “Voci & Sole”, Paolo Ruffini Show; lunedì 5 settembre “Lois & Guem”; martedì 6 settembre “Sofia Hammond Quartet”.

     

    Mercoledì 7 settembre è la volta di “Quarto Podere” e il loro rock agricolo; giovedì 8 settembre c'è la “Blood Brothers Tribute Band”, la tribute band di Bruce Springsteen; venerdì 9 settembre i “99 Posse”; sabato 10 settembre i “Matti delle Giuncaie”.

     

    E poi ancora, l'evento fuori-festa: mercoledì 14 settembre, presso il Teatro Niccolini di San Casciano, Paolo Hendel (ormai sancascianese d’adozione) dedica lo spettacolo “Come truffare il prossimo e vivere felici” nelle vesti di "Carcarlo Pravattoni".

     

    Tutte le sere è in funzione lo stand gastronomico, gestito da decine di associazioni di volontariato del comune di San Casciano che, tutte assieme, organizzano questa festa unica nel suo genere.

    di Redazione

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...