spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
mercoledì 5 Ottobre 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Nel concorso del circolo Acli vince Livia, 9 anni, con una natività davvero speciale

    SAN CASCIANO – Ecco i vincitori del concorso delle Capannucce (nele foto sopra le trovate tutte) organizzato dall’Oratorio di San Casciano e il Circolo Acli.

     

    Lunedì 6 gennaio, presso la “Cupola” del circolo di piazza Cavour è stato premiato il vincitore anzi… la vincitrice.

     

    E’ stata Livia, una bambina di nove anni, ad essersi aggiudicata il primo premio: su una tavoletta ha rappresentato la nascita del Bambino su una barca che a vele spiegate solca il mare.

     

    Una rappresentazione di attualità, ripresa probabilmente da una bimba molto sensibile e attenta alle drammatiche vicende degli sbarchi degli immigrati in cerca di una terra di pace.

     

    Secondo premio (ritirato dalla nonna) è andato a Edoardo che ha voluto che il Bambino nascesse in un nido (vero ma… in disuso) di uccellini; terzi Guido e Anna Rosa con una Capannuccia tradizionale fatta con i personaggi creati con il pongo.

     

    Quart posto per Benedetta e Margherita con personaggi creati con il cartoncino, quinto Federico con una Capannuccia e la stella cometa, tutto costruito con i mattoncini Lego; sesta Chiara, anche lei con una Capannuccia tradizionale. Il settimo premio è andato ad una Capannuccia della quale non è stato possibile risalire al concorrente.

     

    A consegnare i premi e gli attestati è stato don Massimiliano Gori affiancato da una simpatica Befana.

     

    Prima della premiazione, la solenne Santa Messa nella Propositura dove hanno fatto il loro arrivo anche i Re Magi.

    di Antonio Taddei

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...