lunedì 10 Agosto 2020
Altre aree

    FOTO / In 140 a tavola alla casa del popolo per sostenere le popolazioni del Mugello colpite dal terremoto

    Gran bel successo della cena organizzata nei giorni scorsi dal circolo Arci e dal Partito democratico di San Casciano, nell'ambito della Festa de l'Unità 2020

    SAN CASCIANO – C’è soddisfazione da parte del circolo Arci di San Casciano e del Partito democratico sancascianese, per l’esito della cena a sostegno della popolazioni mugellane colpite dal sisma del dicembre 2019.

    Organizzata il 9 luglio scorso nei locali del circolo di via dei Fossi, nell’ambito della ridotta (causa Covid-19) Festa de l’Unità 2020, ha visto a tavola 140 persone.

    Per una cospicua cifra raccolta, che verrà versata sul conto che il sindaco di Barberino di Mugello, Giampiero Mongatti, indicherà agli organizzatori.

    Alla cena hanno partecipato, fra gli altri, molti amministratori mugellani e chiantigiani, il candidato del centrosinistra alla guida della Regione Toscana Eugenio Giani, il senatore Dario Parrini, il candidato al consiglio regionale (ex sindaco di San Casciano) Massimiliano Pescini.

    Grande attenzione da parte degli organizzatori al rispetto delle normative anti Covid, con distanziamenti a tavola, uso delle mascherine, misurazione della temperatura all’arrivo degli ospiti.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA 

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...

    Sostengono Il Gazzettino