spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
domenica 14 Agosto 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Fra moschee, mongolfiere e laghi salati: prosegue il magico viaggio in moto di Gianluca Alessi

    Lo raggiungiamo in Turchia, dopo che ha vissuto la magia della Cappadocia e delle sue mongolfiere: "Le persone che sto incontrando con la loro ospitalità e cordialità mi stanno entrando nel cuore"

    SAN CASCIANO – E’ partito da piazza del Monumento, a Cerbaia, domenica 5 giugno.

    Oggi, quasi due mesi dopo, e un numero di km imprecisato (il contachilometri non funziona proprio al massimo) Gianluca Alessi sta vivendo il suo sogno, il viaggio in moto verso India, Himalaya e poi, probabilmente, giù verso l’Australia.

    # Sorrisi, emozioni, lacrime: Gianluca Alessi è partito (da Cerbaia) per il suo giro del mondo in moto

    Lo raggiungiamo nel cuore della Turchia, in luoghi a dir poco magici. Nella Cappadocia dove si alzano in volo decine di mongolfiere (se volete seguirlo nel suo viaggio, vedere le sue magnifiche foto, lo trovate qui su Facebook, e qui su Instagram).

    Gianluca sei in viaggio da quasi due mesi. Come sta andando?

    “In generale alla grande, sono talmente focalizzato sul viaggio e sulle esperienze che sto vivendo che il tempo passa in fretta, senza che me ne accorga!”.

    Adesso dove sei? E dove sei diretto?

    “In questo momento sono a Malatya, una cittadina nel centro della Turchia, nei prossimi giorni ripartirò in direzione Georgia, per poi scendere in Armenia e tornare in Turchia per varcare il confine iraniano”.

    Ricordaci qual è la tua meta finale.

    “Non c’è una vera e propria meta finale, diciamo che se arrivo sulle vette himalayane mi posso ritenere molto contento, senza escludere Nepal e India settentrionale, da dove poi ci sarà da valutare il trasferimento in Australia”.

    Quali, fino ad ora, i momenti più emozionanti? I luoghi che ti sono rimasti nel cuore?

    “A livello naturalistico già i Balcani mi hanno regalato paesaggi mozzafiato, soprattutto l’Albania, da cui non sapevo cosa aspettarmi. Per non parlare della Turchia, che a partire da Istanbul fino a mete più esotiche mi ha letteralmente scioccato. Per quanto riguarda le esperienze le persone che sto incontrando con la loro ospitalità e cordialità mi stanno entrando nel cuore, soprattutto qua in Turchia, ed è solo socializzando che posso scoprire la vera essenza di un Paese”.

    # Gianluca Alessi, in viaggio nel mondo con la sua moto: il cerbaiolo è già arrivato in Bosnia

    C’è invece qualcosa che ti ha deluso? Che non ti aspettavi?

    “Niente mi ha deluso in particolare, potrei solo far riferimento alla situazione rifiuti in Albania e in Paesi limitrofi, tanto belli quanto degradati da questo punto di vista”.

    Momenti di timore?

    “Momenti di timore no per fortuna. A parte due giorni fa quando ho avuto il primo problema fisico che mi ha costretto a fermarmi e tolto anche un po’ di buonumore, ma adesso che sto meglio anche la mente è risanata”.

    Cosa ti aspetti, infine, dalla strada che ti si apre davanti?

    “Non mi aspetto che sia semplice, sarò sempre più lontano e in condizioni sempre più estreme, ma finché la testa reggerà i colpi, tutti i problemi si risolveranno. Vorrei assicurare tutti che ovunque mi trovi in questi Paesi sono circondato da persone stupende pronte a tutto per aiutarmi!”.

    “Ne vorrei approfittare – conclude Gianluca – per dimostrare vicinanza alla famiglia e agli amici di Sara Bartoli, dopo la triste notizia che mi è giunta proprio tramite Il Gazzettino del Chianti. Non la conoscevo di persona, ma so che era una ragazza serena, attiva e determinata a conseguire i suoi obiettivi. Spiacevole prova che la disgrazia più inaccettabile può accadere anche dietro casa”.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...