spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
martedì 28 Giugno 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Sorrisi, emozioni, lacrime: Gianluca Alessi è partito (da Cerbaia) per il suo giro del mondo in moto

    Domenica 5 giugno, piazza del Monumento. In tanti per salutare un ragazzo che va incontro al suo sogno. C'eravamo anche noi...

    CERBAIA (SAN CASCIANO) – Domenica 5 giugno. Piazza del Monumento, Cerbaia.

    Una invasione di motociclette, di tanti modelli e marche, guidate da giovani con le tute di vari colori.

    Caschi lucenti e tanta voglia di abbracciare un caro amico, Gianluca Alessi. Che, puntuale come promesso, alle 10 è arrivato sulla sua moto: una Yamaha Ténéré 660, attrezzata per la grande avventura del giro del mondo.

    # Gianluca Alessi: a 24 anni parte da Cerbaia per fare il giro del mondo in moto

    A volerlo salutare non solo gli appassionati di moto, ma anche tanti amici, conoscenti, gli abitanti di Cerbaia che fin da bambino l’hanno visto tirare calci al pallone nel campo sportivo.

    Commozione, tanta, da parte di tutti quelli che gli sono corsi incontro per un abbraccio, una stretta di mano.

    Tra questi non potevano mancare il babbo, la mamma e la sorella, felici di vedere tanta gente intorno al loro Gianluca. Lo abbiamo avvicinato chiedendogli il suo stato d’animo.

    “Provo un mix di emozioni inspiegabile – ci ha detto – soprattutto lasciare casa senza un ritorno in moto. E’ un lento allontanamento da casa che dà delle sensazioni davvero particolari”.

    La moto attrezzata di tutto punto, ma cosa porti con te?

    “Prima di tutto le cose essenziali sono i vari componenti che mi potrebbero servire per le riparazioni in caso di necessità. Poi l’attrezzatura da campeggio, dormirò in tenda, una cucina itinerante e un po’ di biancheria. Stop”.

    Direzione?

    “Intanto verso nord per uscire dall’Italia, poi attraverso i Balcani. E poi inizierò ad andare verso est. E, se tutto va bene, dovrei arrivare in Nepal”.

    In quanto tempo?

    “Questo non lo so, non ho limiti di tempo”.

    I tuoi genitori cosa ti hanno detto?

    “Mio padre si commuove ancora solo a pensare che parto”.

    E mamma Maria? “E’ una grande emozione- ci conferma la mamma che è al suo fianco – Gli ho detto che se sta bene lui stiamo bene anche noi, qualunque problema ci possa essere ci deve dire tutto, non nascondere nulla. Il distacco è grande, ma siamo fieri di lui”.

    Gianluca, i tuoi tanti amici cosa ti dicono di questa tua avventura?

    “Sono molto solidali, quelli di un’età “avanzata” mi hanno detto che lo avrebbero fatto volentieri anche loro quando avevano la mia età, ma non ne hanno avuto il coraggio. C’è anche chi pensa che non lo farebbe mai, ma apprezza la mia scelta”.

    Seduti sul muretto ci sono anche Daniele e Matteo, compagni di asilo e scuole medie: “Se è ciò che sente fa bene a farlo – ci dicono – anche se è una bella “mazzata” non poterci vedere da oggi in poi tutti i giorni”.

    C’è anche un gruppo di amici, ragazzi che si sono tatuati l’anno 2016, ovvero l’anno in cui si sono conosciuti, formando un gruppo unito e solidale.

    Gianluca porta con sé un diario, dove su una pagina ha disegnato una mano che tiene la mappa del viaggio. E, sotto, lui seduto davanti alla sua moto.

    Prima della partenza sono in tanti a voler lasciare scritta una frase tipo: Buon viaggio Best! La tua Best, Prendi a morsi la vita e questa esperienza fantastica! Se non torni ti verremo a prendere con la Forza! Buona vita.

    E tante altre frasi ancora, che hanno riempito intere pagine.

    A salutare Gianluca c’è anche il sindaco di San Casciano, Roberto Ciappi, che prima si è intrattenuto con i suoi familiari e poi con lui, che gli ha illustrato il suo sogno.

    Siamo arrivati quasi a mezzogiorno, il caldo si fa sentire, il tempo di scattare una foto con il sindaco che, per l’occasione, indossa anche la fascia tricolore.

    Gli ultimi saluti pieni di emozione ed ecco arrivare il distacco, la partenza: Gianluca, scortato dagli amici motociclisti, si alza in piedi sulla sua moto, saluta e lascia la piazza di Cerbaia imboccando la Strada Provinciale 4 Volterrana.

    L’avventura tanto desiderata ha inizio. Buon viaggio Gianluca. 

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...