spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
lunedì 27 Giugno 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Fra olio nuovo, selfie, sorrisi e strette di mano: Giancarlo Antognoni a San Casciano

    Nel rispetto di una tradizione che si ripete ormai da alcuni anni, martedì 2 novembre ha fatto tappa in paese (e al Frantoio Carmignani) l'"unico 10"

    SAN CASCIANO – Nel rispetto di una tradizione che si ripete ormai da alcuni anni, martedì 2 novembre ha fatto tappa a San Casciano Giancarlo Antognoni, bandiera e capitano della Fiorentina tra gli anni Settanta e Ottanta.

    E campione del mondo con la nazionale italiana nel 1982, nella spedizione in terra spagnola.

    Accompagnato da un caro amico, Dante, si è soffermato in piazza Pierozzi. Nel cuore del centro storico del capoluogo.

    Dove, riconosciuto dai tifosi viola e suoi “vecchi” fan, si è intrattenuto per un saluto. E per posare per l’immancabile selfie, ormai un classico al posto dell’autografo.

    Non è mancato l’invito a vedere un cimelio custodito all’interno di una trattoria poco distante, in cui il titolare tiene “sotto vetro” la maglia che fu indossata da Amarildo Tavares da Silveira.

    Altra tappa al forno, con le specialità del Casentino, per poi andare al Frantoio Carmignani, in via di Pisignano, dove è in pieno svolgimento la campagna olearia.

    Anche qui, sono stati in tanti a riconoscere Antognoni: che con gli agricoltori in attesa della frangitura dei propri carichi, ha condiviso il piacere di una deliziosa fettunta, con il pane abbrustolito sulla brace, sempre presente in questi giorni.

    C’è stato anche un incontro conviviale a Casalta, con il sindaco di San Casciano Roberto Ciappi.

    Che ha fatto dono all'”unico 10″ del volume “San Casciano in Val di Pesa”, realizzato dall’amministrazione comunale, oltre a una copia del manifesto per l’inaugurazione dell’acqua potabile in paese, del 2 ottobre 1892.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...