spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
martedì 27 Settembre 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    I due ladri si sono dati subito alla fuga nei campi: il racconto della proprietaria

    PERSETO (SAN CASCIANO) – Non c’è pace per i residenti del piccolo borgo di Perseto , un pugno di case in campagna tra San Casciano e Mercatale.

     

    Una zona splendida dove dovrebbe regnare la pace ma, invece, ogni tanto (forse per la posizione particolare da cui i malviventi possono seguire i movimenti dei residenti e scappare nei campi), arrivano le “incursioni dei barbari”.

     

    L’ultimo furto in appartamento è avvenuto venerdì 27 dicembre. A raccontarci quanto successo è la proprietaria della casa "visitata".

     

    "Siamo rientrati dopo le 20 – inizia – e abbiamo notato che era stato tolto il cilindro dalla serratura. Il tempo di spingere la porta e vedere due persone che si sono date precipitosamente alla fuga passando dalla finestra".

     

    Avete individuato le persone?

    "No, purtroppo complice l’oscurità abbiamo solo notato due figure e basta. Una volta saltata la finestra sono scappati attraverso il campo. Abbiamo chiamato subito i carabinieri, in breve sono arrivati dalla Stazione di San Casciano, hanno fatto delle ricerche, ma i due avevano ormai fatto perdere le tracce".

     

    Che cosa sono riusciti a portare via?

    "Hanno aperto gli armadi, buttato all’aria, ma poi probabilmente disturbati dal nostro arrivo non hanno avuto il tempo necessario: hanno arraffato qualche oggetto e portato via pochi soldi, dei dollari che avevamo in casa. Abbiamo dovuto cercare un fabbro per rimettere la serratura, cosa non semplice vista l’ora, e poi non le dico la paura che ci è rimasta".

     

    "Meno male – prosegue – che il nostro cane era con noi, altrimenti chissà cosa gli avrebbero potuto fare se lo trovavano in casa. Non sappiamo più come fare a tutelarci, non auguro a nessuno arrivare nella propria casa e trovare all’interno i ladri".

     

    Guardandosi intorno si notano porte e finestre chiuse da grosse inferiate, ogni tanto qualche cane che abbaia. E poi la giusta diffidenza di aprire a persone estranee.

     

    Quando andiamo a riprendere l'auto notiamo per terra una scatola: sopra c'è la figura di una pistola. Osserviamo bene, poi vediamo che si tratta di una scatola vuota che conteneva una pistola ad aria compressa.

     

    Ci auguriamo che sia solo un caso che sia lì, perché (lo dicono per prime le forze dell'ordine) non è certo con le armi, sebbene finte, che ci si protegge dai ladri.

    di Antonio Taddei

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...