spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
lunedì 27 Giugno 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    I ladri hanno sfondato i vetri della porta che immette nella struttura

    Furto nel magazzino edile Caverni, in via dell’Artigianato, zona artigianale del Bardella. L’allarme è scattato intorno a mezzanotte e mezzo di martedì 16 gennaio e quando sul posto sono intervenuti i carabinieri e il titolare. Quando ormai non rimaneva altro che fare l’inventario di quello che erano riusciti a trafugare. 

     

    Probabilmente i ladri erano più persone. Dopo aver tagliato la rete in due punti diversi, lato strada e lato campo per farsi una via di fuga, sono entrati nel piazzale rompendo le lampade per operare al buio senza essere visti dalla strada, anche se questa, poco transitata.

     

    Così si sono diretti verso la cisterna del gasolio usato per i mezzi da lavoro, asportandone 600 litri, e dopo avere afferrato dei pali di ferro venduti per tirare le reti di recinzione, hanno sfondato i vetri della porta che immette nel magazzino, riuscendo così ad afferrare alcuni martellini per demolizione dal costo di circa 600 euro l’uno.

     

    Non contenti, hanno cercato di sfondare il vetro blindato del piano superiore che immette nella sala showroom, e se il primo ha resistito ai colpi, il secondo ha ceduto. Ma ormai era il momento di scappare, l’allarme inesorabile continuava a suonare, non valeva più la pena entrare, ed ecco così la decisione di fuggire.

     

    "E’ un bel danno – ha commentato il titolare – è chiaro che sono cose che non fanno certo piacere". Fin da subito, gli uomini dell’Arma hanno iniziato le indagini: qualche indizio è stato lasciato, adesso il compito è riuscire ad acciuffare i responsabili.

    di Antonio Taddei

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...