spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
lunedì 25 Settembre 2023
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Il Summer Camp La Botte, al parco sportivo, raccontato dalle animatrici Gaia e Gemma

    Fanno parte dello staff che quotidianamente segue i bambini. Attivi fino al 28 luglio, ecco come funzionano

    LA BOTTE (SAN CASCIANO) – Il Summer Camp La Botte, organizzato da Sportlab 21 presso il Parco Sportivo La Botte, continua a coinvolgere bambini e bambine dai 6 ai 14 anni in sport, giochi ed esperienze basate su apprendimento e laboratori di ogni genere.

    Partito da lunedì 12 giugno, il centro estivo ospita già tantissimi bambini.

    E il numero dei partecipanti continua a salire settimana dopo settimana, grazie all’organizzazione impeccabile e alla professionalità di un gruppo di animatrici affiatato che coinvolge i partecipanti in svariate attività.

    Per farci raccontare come si svolgono le giornate al Parco La Botte e le sensazioni che accompagnano proprio il gruppo di animatrici, abbiamo incontrato due di loro: la coordinatrice del gruppo animatori, Gaia Mantelli, e la referente, nonché tutor dell’apprendimento del comune di San Casciano, Gemma Pennacchi.

    “La giornata parte alle 8.30 – inizia Gaia – e nella mattina, momento più fresco, concentriamo le attività che richiedono più movimento come giochi e sport”.

    “Grazie alla presenza della palestra proprio all’interno del parco – prosegue la coordinatrice – abbiamo la possibilità di svolgere insieme ai bambini molte tipologie di sport”.

    “Dal basket alla pallavolo – riprende – passando per il ciclismo, la lotta e il karate, i partecipanti possono cimentarsi in un’ampia selezione sportiva. Inoltre, con l’aiuto di insegnanti che lavorano nella palestra stessa, creiamo percorsi ginnici studiati appositamente per i più giovani”.

    “Dopo la prima parte di giornata – racconta ancora – accompagnata da un’ottima merenda offerta dal Ristorante Il Fiscolo, anch’esso all’interno del parco, ci riposiamo di fronte a un pranzo sempre molto buono, preparato ancora dal ristorante. Dopo un po’ di relax, nel pomeriggio concentriamo laboratori ed esperienze”.

    Il Parco La Botte infatti offre un contesto che permette ai quattro animatori e ai bambini di trovare spazi freschi nonostante le temperature estive, come ci racconta Gemma Pennacchi, referente del gruppo.

    “Il Parco – dice Gemma – si presta molto bene alle attività che tutti i giorni organizziamo. Le zone d’ombra e il lungo Pesa ci permettono di sfruttare gli spazi all’aria aperta senza soffrire le alte temperature”.

    “I bambini sono molto contenti e partecipano molto attivamente anche ai laboratori che svolgiamo nelle ore pomeridiane – continua Gemma – Infatti, dopo pranzo e fino alle 16.30, facciamo laboratori artistici, di musica e di teatro, sfruttando ciò che il parco ci può offrire”.

    Sono infatti molteplici i laboratori inerenti alla natura, realizzati grazie anche alla presenza di professionisti di settore.

    Il vivaio adiacente, Vivaio Calonaci, che i bambini hanno avuto la possibilità di visitare e dove possono raccogliere gli ortaggi avvicinandosi così all’aspetto naturalistico appartenente al contesto in cui si svolgono i centri estivi, rappresenta proprio uno degli esempi di collaborazione esterna.

    Come questo, molti altri completano l’offerta del centro estivo, così da permettere ai bambini e alle bambine di cimentarsi sempre in attività nuove e stimolanti.

    Iniziato il Summer Camp La Botte: fino al 28 luglio. Centri Estivi Sportivi per tutte le età

    (CONTENUTO SPONSORIZZATO)

    ©RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...