spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
venerdì 1 Luglio 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    In fiamme una grossa catasta di legna a Spedaletto: incendio domato

    Nella serata di mercoledì 15 aprile: sul posto La Racchetta San Casciano e i vigili del fuoco

    SPEDALETTO (SAN CASCIANO) – A fuoco una grossa catasta di legna nella frazione di Spedaletto. E’ successo in via Potente ai margini di una strada di campagna, dove erano stati ben sistemati dei grossi tronchi di quercia.

    Intorno alle 20.30 di mercoledì 15 aprile a dare l’allarme sono stati dei residenti che avevano avvistato il grosso rogo: sul posto sono intervenuti per primi i volontari de La Racchetta di San Casciano che, in attesa dell’arrivo dei vigili del fuoco del distaccamento Firenze Ovest, hanno scaricato sulle fiamme più di 600 litri d’acqua, circoscrivendo la zona interessata.

    Non è dato sapere chi abbia appiccato il fuoco alla catasta, anche perché fino alla mezzanotte del 15 aprile la Regione Toscana aveva emanato il decreto del divieto assoluto di abbruciamenti di residui vegetali, potature, in tutta la Toscana.

    Un lavoro non da poco quello dei vigili del fuoco, che hanno dovuto roteare a mano i grossi tronchi di legna, in quanto all’interno degli stessi il fuoco continuava ad alimentarsi nonostante che dall’esterno sembrasse spento.

    Un po’ di preoccupazione c’è stata per un cavo elettrico aereo che attraversava la catasta, ma che per fortuna non ha subito danni, mentre invece delle piante di olivo sono state in parte attaccate dal fuoco.

    L’operazione è terminata dopo le 22.30. Sul posto anche i carabinieri della Stazione di San Casciano.

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...