spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
lunedì 27 Giugno 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Mini-sondaggio del Gazzettino fra i commercianti di biancheria intima

    Mancano poche ore alla fine del 2012, gli ultimi acquisti sono concentrati nei negozi di intimo, sexy o tradizionale con prevalenza il rosso.  Abbiamo fatto un giro a San Casciano per “scoprire” cosa va di più.

     

    "Le vendite – ci dice un commerciante – rispetto allo scorso anno sono in calo per gli articoli particolarmente sexy. In calo il tanga, stazionari gli slip rossi che non superino però i 5 euro. Se fino ad anno gli uomini regalavano biancheria intima particolare per l’ultimo giorno dell’anno, oggi non più".

     

    Altro negozio: "Il genere che vendo – stavolta è una donna dietro il banco – è biancheria intima scherzosa. Mutandine con disegnati pupazzi di cartoni animati con un po’ di trina trasparente, ma senza esagerazione. Mentre le  ragazzine di sedici anni, iniziano a indossare i primi reggiseni e slip più importanti”. E la crisi? "Sì – ci viene risposto – anche per questo settore un certo calo lo abbiamo avvertito".

     

    Ancora un altro negozio gestito da donne: "Se devo essere sincera i clienti per questo genere non mancano, vanno tantissimo gli slip rigorosamente rossi sia per donna ma anche per uomo e tanti bambini".

     

    Anche i banchi del tradizionale mercato del lunedì hanno esposto la merce in rosso, con discreto successo. Insomma, se è vero che indossare qualcosa di rosso per la fine dell’anno porta fortuna, perché non crederci. Magari con un capo anche di sexy?

    di Antonio Taddei

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...