lunedì 10 Agosto 2020
Altre aree

    La grande canzone italiana sale sul palcoscenico del Poggione: questa sera dalle 21

    Si esibirà la Fiore Jazz Band con Luciana Capasso, Alessandro Vanzetto, Marco Cencetti, Massimo Ciolli, Bernardo Sacconi, Paolo Maccianti

    SAN CASCIANO – Da Bruno Lauzi a Gino Paoli, da Giorgio Gaber a Sergio Endrigo, da Mina a Paolo Conte.

    La ricca programmazione culturale di “Effetto Notte”, promossa dal Comune di San Casciano, è pronta ad accendersi come un giradischi del passato, a risuonare e rievocare l’essenza della canzone italiana.

    “Effetto notte” solleva la puntina e la appoggia delicatamente sul piatto rotante per incantare il pubblico sulle note dei grandi interpreti italiani del ventesimo secolo.

    Accadrà questa sera alle ore 21 nell’area del parco Dante Tacci di San Casciano con il concerto della Fiore Jazz Band.

    Dopo il successo dello spettacolo che ieri sotto il cielo stellato dell’Arena entro le mura ha divertito i più piccoli, “Alice cascherina”, tratto dal racconto di Gianni Rodari e prodotto da Cantiere Obraz, una nuova occasione di intrattenimento musicale di qualità animerà le notti sancascianesi.

    Sei i componenti della formazione che si esibiranno nell’esecuzione di alcuni dei brani cult della tradizione cantautoriale italiana.

    Si tratta di Alessandro Vanzetto al sassofono, Marco Cencetti alla tromba, Massimo Ciolli alla chitarra, Bernardo Sacconi al contrabbasso, Paolo Maccianti alla batteria e al centro del gruppo la voce di Luciana Capasso.

    Ingresso libero.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...

    Sostengono Il Gazzettino