martedì 26 Gennaio 2021
Altre aree

    La nostra storia, le nostre radici: Lina ne ha compiuti 100, Estella 108! E’ festa a San Casciano

    La prima è stata una storica volontaria della Sagra di' Pinolo, a Chiesanuova; la seconda, che con i suoi 108 rappresenta davvero un record, è stata anche sarta di Sofia Loren

    SAN CASCIANO – In due arrivano a segnare oltre due secoli di vita: 208 anni per la precisione. E sono le prime centenarie del 2021 a soffiare sul traguardo di una straordinaria longevità.

    L’affetto dei familiari e l’omaggio floreale che l’amministrazione comunale ha fatto recapitare a domicilio nel giorno del suo compleanno hanno emozionato e sorpreso Lina Salucci.

    Che domenica scorsa ha condiviso l’importante momento con il figlio che vive con lei, nella frazione di Chiesanuova.

    Una donna, energica, attiva che si è sempre spesa per la comunità in veste di volontaria tanto da accompagnare, fin dalla nascita, i momenti salienti della storica Sagra del Pinolo.

    “Lina è stata una delle colonne portanti della sezione artigianale della nostra festa dedicata al Pinolo – ricorda l’assessore Moreno Cheli – cuciva, ricamava e si occupava della mostra dei manufatti artigianali della festa”.

    Lina Salucci soffia sulle sue 100… candeline

    “Ha contributo a valorizzare questa tradizione – tiene a dire ancora Cheli – che si è mantenuta nel tempo grazie all’inventiva e all’impegno costante degli abitanti di Chiesanuova”.

    Vedova da molti anni, Lina ha due figli e un nipote.

    A farle buona compagnia, tra le colline chiantigiane, un’altra forza della natura che arriva a compiere la bellezza di 108 anni proprio oggi, 12 gennaio 2021.

    È delle nonnine più longeve d’Italia e porta con sé una storia che intreccia la tradizione e la cultura sartoriale italiana a quella d’oltreoceano da cui Estella Caprotta, nata a Buenos Aires il 12 gennaio del 1913, deriva.

    Come il suo stesso nome recita, l’anziana ospite della Rsa Villa San Martino di San Casciano, la struttura condotta dall’amministratore delegato Niccolò Sborgi e diretta da Simona Masini, continua a brillare di vitalità e di ricordi che riesce ancora a far tornare alla mente.

    Estella, che ha vissuto la drammatica esperienza di due conflitti mondiali e ha visto alternare monarchie e repubbliche, ha avuto il privilegio di viaggiare molto, conoscere tradizioni e culture diverse e, prima di approdare al settore alberghiero, ha lavorato nell’atelier sartoriale di famiglia che ha vestito alcune delle più importanti dive degli anni ’50 come Sofia Loren.

    “I percorsi  di Lina, Stella e tutte le altre centenarie e centenari che vivono nel nostro territorio sono la testimonianza di un patrimonio raro, che abbiamo il dovere di celebrare e tutelare” dice il sindaco Roberto Ciappi .

    “I nostri nonni – aggiungecon orgoglio il primo cittadino – sono una delle realtà più preziose che abbiamo, rappresentano le nostre radici, la nostra identità e ci dicono da dove veniamo, siamo orgogliosi, che sia il nostro territorio, il Chianti, una delle zone più longeve d’Italia, ad accompagnare la loro storia, ad accoglierne la memoria vivente”.

    Anche per Estella un omaggio speciale è giunto nella residenza sanitaria Villa San Martino dove la centenaria risiede da parte dell’amministrazione comunale di San Casciano.

    Sorridente: Estella Caprotta oggi, 12 gennaio 2021, celebra i suoi 108 anni

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...