spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
martedì 7 Febbraio 2023
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    “La prima volta che lascio l’auto al parcheggio Stianti di San Casciano: ecco il risultato”

    La denuncia di Serena: vetro sfondato, portellone forzato: "Ma quanto vogliamo ancora aspettare a mettere in sicurezza quel parcheggio?"

    SAN CASCIANO – “Non ho mai parcheggiato al parcheggio coperto dello Stianti, perché se ne sentono di ogni tipo. E poi perché la sera non è, a mio avviso, un posto sicuro”.

    Inizia così il racconto di Serena, residente nel centro storico del capoluogo. Che alla sua prima esperienza nel parcheggio multipiano di San Casciano è incappata subito in una brutta disavventura.

    “Visto il meteo pazzo di questi ultimi tempi – racconta – e le grandinate della scorsa settimana a Parma, che hanno distrutto carrozzerie e vetri di un sacco di macchine, ho pensato che visto che sarei stata fuori qualche giorno sarebbe stato meglio prendersi il “rischio” e proteggere l’auto parcheggiandola allo Stianti piuttosto che lasciarla per strada”.

    “Quindi – continua – mercoledì sera alle 20 la parcheggio nel settore B2; stamani vado a riprenderla per andare a lavoro e trovo il vetro lato guidatore sfondato, e la macchina tutta a soqquadro”.

    “Non so cosa pensavano di trovare dentro – dice amareggiata – ma non hanno trovato proprio un bel niente. Adesso il danno però me lo devo sorbire tutto io”.

    “Ho appena parlato con il carrozziere – aggiunge – e mi ha detto che oltre al vetro hanno anche mezzo scardinato il portellone posteriore, probabilmente per vedere se c’era qualcosa nel bagagliaio”.

    “Ma quanto vogliamo ancora aspettare a mettere in sicurezza quel parcheggio? – domanda – Macchine sfregiate fatto, vetri sfondati fatto; sudiciume e inciviltà ovunque fatto. Cosa aspettiamo?”.

    “E la cosa che mi fa più rabbia – rimarca – è che di questa situazione di degrado allo Stianti se ne parla da anni, ma nessuno fa niente (a parte mettere i pulmini perché ormai da secoli gli ascensori non funzionano)”.

    “Ho già fatto denuncia ai carabinieri – conclude – chiedendo di visionare le telecamere, fra l’altro vicine alla mia macchina, ma che purtroppo sono in bianco e nero, a bassa risoluzione e senza audio. Quella da 15 euro che ho comprato su Amazon funziona meglio”.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

     

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...