spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
lunedì 27 Giugno 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    La storia in mostra a Chiesanuova. Auto, moto e biciclette d’epoca: “Le ruote della vita” si mettono in moto

    L'evento espositivo, in programma dal 9 al 19 giugno, negli spazi del Circolo di Chiesanuova, ricostruisce la storia dell'auto, della moto e della bicicletta dai primi del 900' fino ai nostri giorni

    CHIESANUOVA (SAN CASCIANO) – Dal monociclo del 1800 alle bici di Pantani e Bitossi, fino alle moto che hanno ispirato il boom economico degli anni Sessanta. Per arrivare alla famosa auto Quadrilette del 1915.

    Un viaggio nel mondo delle ruote e un’occasione speciale per ripercorrere un pezzo di storia della cultura sociale ed economica italiana.

    C’è grande attesa per l’evento espositivo che quest’anno costituisce la punta di diamante della quarantacinquesima edizione della Sagra dì Pinolo di Chiesanuova, la festa che torna a pieno ritmo dal 9 al 19 giugno per riempire di tradizioni e sapori la frazione sancascianese.

    La mostra, organizzata dal Circolo di Chiesanuova in collaborazione con il Paese dei Balocchi di Sesto Fiorentino, il patrocinio della Regione Toscana, Città Metropolitana, Aci, Unicef, Comune di San Casciano e Fondazione Barsanti, è in programma dal 12 al 26 giugno nella sala del Circolo Ricreativo Culturale di Chiesanuova nell’ambito della sezione dedicata all’artigianato locale di ieri e di oggi.

    La rassegna propone un excursus storico e scientifico del mezzo di locomozione, parallelamente alla storia del costume e degli stili di vita, intorno alla strada Volterrana che sul finire del diciannovesimo secolo vide nascere e sviluppare intorno a sé nuovi insediamenti urbani.

    “La mostra prende le mosse da un evento storico inedito che si verificò lungo la strada che conduce a Volterra – spiegano gli organizzatori –  è qui che Padre Barsanti mise a punto il primo esperimento sul motore a scoppio”.

    Con i tanti mezzi di locomozione in mostra, i cimeli e i modelli museali che riproducono il primo motore di Padre Barsanti, l’iniziativa ricostruisce la storia dell’auto, della moto, della bicicletta dai primi del 900′ fino ai nostri giorni e parallelamente crea un palcoscenico privilegiato d’eccezione sui cui sfileranno alcuni costumi e abiti dell’epoca.

    “E’ un omaggio che ruota intorno ad una delle più importanti scoperte italiane del secolo scorso – continuano – accendiamo i riflettori sulla vita dell’epoca focalizzando l’attenzione su due avvenimenti storici che videro protagonista via Volterrana: i 148 anni della nascita di Chiesanuova lungo la nuova variante che evitava la salita alla Romola e 169 anni dal deposito all’Accademia dei Georgofili del documento descrittivo dell’invenzione del primo motore a scoppio”.

    L’iniziativa aprirà i battenti il 12 giugno alle 16,30 con il taglio del nastro a cura del sindaco Roberto Ciappi cui prenderanno parte alcuni rappresentanti di Unicef per la Toscana.

    L’inaugurazione sarà arricchita dal concerto della Jazz Chianti Mood Big Band, da un’esibizione della scuola di ballo “Sancaballet” di Chiesanuova e da un’asta del disegno originale del logo della mostra del grande fumettista Fabio Civitelli.

    Il ricavato sarà devoluto a favore dell’organizzazione Unicef con l’obiettivo di sostenere i bambini meno fortunati.

    Informazioni: 3358267032.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...