spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
martedì 27 Settembre 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Guide, cartine del territorio, volumi sulle chiese romaniche: un vero peccato

    SAN CASCIANO – Ci è pervenuta una segnalazione da parte di un lettore, il quale ci invitava ad andare a guardare all’interno del cassonetto giallo della carta posto di fronte alle scuole elementari in via Giuseppe Ungaretti, perché all’interno si trovava del materiale…"interessante”.

     

    Ci siamo così immediatamente recati a vedere di cosa si potesse trattare, ed effettivamente lo spettacolo non è stato piacevole, perché all’interno di scatole e sparsi tra i cartoni, c’erano dei libri nuovi e interessanti.

     

    Magari un po' datati, ma sempre e comunque libri riguardanti il nostro territorio: come "I tesori del Chianti", guide turistiche, volumi sulle chiese romaniche, pacchi di piantine di San Casciano.

     

    Non sappiamo se tutto questo materiale sia stato smaltito da qualche editore che si è voluto sbarazzare di materiale “invendibile” (improbabile), o se facevano parte della dotazione di qualche struttura pubblica (di sicuro non la biblioteca comunale).

     

    Ma vedere tutto quel patrimonio culturale lì dentro, pronto per essere distrutto, non ci ha fatto davvero piacere: così come non avrà fatto piacere al lettore che ci ha segnalato il fatto.

     

    Magari si poteva fare un appello ai cittadini prima di gettare via tutto, e regalare a chi li avesse voluti quei libri e quei volumi. Anche se vecchi, anche se datati, a qualcuno magari avrebbe fatto piacere sfogliarli o metterseli in casa.

    di Antonio Taddei

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...