spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
giovedì 13 Giugno 2024
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Vecchie Cantine al Bardella: la famiglia Antinori prova a ri-acquistarle

    Il Marchese: "Vederle in quelle condizioni è un grande dolore. Cercheremo di fare il possibile"

    SAN CASCIANO – La buona notizia, che al momento è soprattutto un auspicio, è che la struttura delle ex Cantine Antinori, che si trova sulla via Empolese (zona Bardella), potrebbe ritornare (ri-acquistandole) alla famiglia Antinori.

     

    È quanto abbiamo appreso dal Marchese Piero Antinori quando gli abbiamo chiesto se le voci che si vanno rincorrendo in questi giorni, relative a un loro interessamento nel tornare in possesso dell’immobile, siano veritiere.

     

    La risposta è stata di (ampia) apertura: "Io sono emotivamente legato a quella struttura – ci ha detto – e vedendola in quelle condizioni in cui versa, è un grande dolore".

     

    "L’impegno c’è – sottolinea Antinori – tenteremo di fare il possibile. Perché, ripeto, per la nostra famiglia è una spina nel cuore vedere lo stato attuale di tutta l’area. Speriamo…".

     

     

    E naturalmente, oltre alla famiglia Antinori, a tutti farebbe un immenso piacere ridare nuova vita a quegli spazi che da alcuni anni sono davvero abbandonati a loro stessi.

     

    Con l’aggravante che i locali dopo poco sono stati presi di mira dai vandali, che con facilità sono entrati all’interno, mettendo a repentaglio anche la propria vita oltre a devastare tutto quello che vi era all’interno.

     

    Non solo: la struttura è in buona parte coperta da lastre di eternit e la preoccupazione, soprattutto per i residenti del Bardella e del Gentilino, è che una parte di queste lastre si è rotta.

     

     

    Tanto che hanno cercato di costituire un comitato per la tutela della salute, nonostante il Comune di San Casciano abbia garantito che la situazione è sotto monitoraggio da parte degli organi competenti.

     

    Ma c’è anche un altro problema: le piante su via Gentilino, via Cigliano, via Empolese e via Pisignano. Crescono invadendo parte della carreggiata, impedendo anche l’illuminazione.

     

    E c’è anche chi vive al confine con le ex Cantine, che ha visto l’aumento di ratti e altri animali selvatici.

     

    Insomma se davvero l'intenazione da parte di Antinori è di ricomprare le vecchie Cantine, tutto ciò farebbe tirare davvero un sospiro di sollievo anche ai residenti.

     

    di Antonio Taddei

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...