spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
domenica 2 Ottobre 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Il giovane sancascianese, segretario metropolitano del Pd, scelto per il comitato

    SAN CASCIANO – Il sancascianese Patrizio Mecacci (29 anni), segretario metropolitano del Partito democratico, è stato scelto come coordinatore del comitato nazionale che sostiene la candidatura di Gianni Cuperlo a segretario del Pd.

     

    Sarà quindi Mecacci a coordinare per tutto il Paese la campagna per spingere Cuperlo alla segreteria del Partito democratico, contro lo strafavorito Matteo Renzi.

     

    E sarà un incrocio interessante quello che da Firenze arriverà al livello nazionale: bersaniano doc, molte volte su posizioni stridenti nei confronti del sindaco di Firenze, Mecacci è stato sempre uno dei giovani più seguiti dallo stesso Pierluigi Bersani. E la scelta di Cuperlo è una logica conseguenza.

     

    "Patrizio – ha commentato lo stesso Cuperlo – ha l'età giusta e l’entusiasmo, quelle caratteristiche umane e l’esperienza politica necessarie per tenere insieme i fili di una campagna che spero spieghi a tutti quelli che incontreremo nelle nostre iniziative che tipo di Italia vogliamo e che tipo di Partito democratico serve a questa Italia”.

     

    E solo nella tarda serata di oggi, martedì 8 ottobre, Mecacci ha affidato a Facebook le sue parole: "Ho finalmente un attimo di respiro per dire grazie a tutti, a partire da Gianni Cuperlo. Stasera ci sarà la direzione metropolitana, così potrò iniziare a dirvelo di persona dopo tutti questi sms, poi ci vedremo domenica 13 all'Obihall per www.openfirenze.it (di cui sono davvero orgoglioso) e in tante altre occasioni. Per me comincia una sfida bella e appassionante che spero di condividere con tanti di voi".

    di Matteo Pucci

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...