spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
venerdì 14 Giugno 2024
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    25 aprile a Montefiridolfi: deposizione corona a un monumento splendente

    Grazie a Paolo Ermini e Gabriele Sani, dell'associazione Montefiridolfi, il cippo dedicato ai caduti è rinato

    MONTEFIRIDOLFI – Quello di domani non sarà un 25 aprile come gli altri a Montefiridolfi: la deposizione della corona che celebra la Liberazione dai nazifascisti (e qui più che altrove è sentita, a pochi km da Fabbrica e Pratale, luogo di eccidi e stragi) avverrà ai piedi di un monumento ai caduti… tutto ripulito.

     

    L'associazione Montefiridolfi infatti, grazie alla passione e al lavoro di Paolo Ermini e Gabriele Sani, ha tolto sporco, licheni, macchie, riportando il monumento dedicato ai caduti di tutte le guerre in una forma mai vista.

     

    Monumento che per decenni è stato al centro della piazza: eretto in epoca fascista, era dedicato ai caduti della prima guerra mondiale. Venne poi modificato per essere dedicato ai caduti di tutte le guerre.

     

    Poi, negli anni, l'ormai storico spostamento: dalla piazza venne infatti "traslato" di pochi metri, inserito all'interno dei giardini.

     

    E proprio lì Ermini e Sani si sono armati di materiali e olio di gomito, e per giorni hanno ripulito, ritoccato, protetto. Sistemato l'area verde intorno.

     

    Per un monumento che non si è mai presentato… così in forma al momento più importante dell'anno.

    di Redazione

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...