spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
venerdì 19 Luglio 2024
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Inaugurazione il 18 luglio (21.30) al Centro Lotti: visitabile fino al 25 luglio

    MERCATALE (SAN CASCIANO) – Sono passati oltre quattro mesi dall'addio a Fernando Cubattoli, venuto a mancare il 6 marzo scorso a 76 anni. E l'emozione di allora è rimasta intatta in molti di quelli che hanno avuto la fortuna, il piacere e l'onore di conoscere "il Cuba".

     

    Mesi difficili per familiari e amici che hanno dovuto fare i conti con un'assenza ingombrante, un vuoto impossibile da colmare. La figura privata in questi casi si interseca inestricabilmente con quella pubblica. Di sindacalista, di uomo della politica del buonsenso.

     

    Ci hanno provato a ricordarlo, con passione e amore, organizzando la mostra di fotografie che verrà inaugurata giovedì 18 luglio (alle 21.30) presso il Centro Lotti di Mercatale, in piazza Vittorio Veneto. Il taglio del nastro sarà preceduto da una mise en espace a cura di "Percorsi Teatrali".

     

    L'hanno chiamata semplicemente "Ciao… Cuba": senza tanti fronzoli, senza tanti "ghirigori". Così come sarebbe piaciuto a lui. Il patrocinio è del Comune di San Casciano, il contributo del Partito democratico di Mercatale, dello Spi Cgil di San Casciano, del circolo Arci di Mercatale.

     

    La foto che vedete qui sopra, utilizzata per la cartolina di invito alla mostra, ci fa vedere il Cuba con il suo sorriso, mentre ci saluta. Su un traghetto, dietro di lui il mare.

     

    Sarà emozionante ritrovarlo nelle sessanta fotografie che compongono la mostra. Sarà coinvolgente incontrarsi per ricordarlo, senza retorica, con amicizia e gratitudine. Caro Cuba, ci si vede giovedì in piazza a Mercatale. Siamo sicuri che sarai lì insieme a noi, con il tuo sigaro in bocca… .

    di Matteo Pucci

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...