spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
sabato 15 Giugno 2024
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Quando il gioiello è una forma d’arte: Mario Salzano apre nel centro di San Casciano

    Il maestro orafo ha aperto, in via IV Novembre, "My Jewel". L'abbiamo visitata insieme a lui: una meraviglia

    SAN CASCIANO – È stata inaugurata lunedì 23 giugno a San Casciano la gioielleria “My Jewel” del maestro orafo Mario Salzano, al numero 11 di via 4 Novembre.

     

    Dopo 46 anni passati a imparare, lavorare e insegnare l'arte dell'oreficeria, gioielleria e scultura tra Torre del Greco, Napoli, Valenza, Vicenza e Arezzo, Mario ha deciso di trasferirsi con la famiglia e aprire la sua gioielleria nel cuore di San Casciano, per esporre al pubblico le sue spettacolari creazioni.

     

    Nelle vetrine del negozio brillano gioielli artigianali per ogni gusto e misura, lavorati dal maestro con tecniche all'avanguardia nel rispetto della tradizione di lavorazione del gioiello, che gli è stata tramandata dai suoi maestri.

     

    Collane, brillanti, orecchini, braccialetti di vario genere tra le tante proposte della gioielleria, ideati e realizzati artigianalmente da Mario con l'utilizzo di pietre preziose e naturali.

     

     

    In esposizione troverete monili esclusivi in oro, argento, diamante, corallo e pietre, manifatture di tendenza e alla moda, che con tanti anni di esperienza nella lavorazione del gioiello sono stati pensati dall'orafo per seguire al meglio la personalità della donna che li indossa.

     

    Impossibile non gettare uno sguardo sui capolavori del cameo inciso, da cui emerge la finezza del del dettaglio e il talento di Mario nel padroneggiare una delle più antiche tecniche del mestiere.

     

    La sua avventura nel mondo dell'oreficeria è cominciata da ragazzo, quando si è iscritto all'Istituto Statale d'Arte di Torre del Greco, per studiare le materie artistiche di oreficeria e incisione del cameo e del corallo.

     

    “Capii subito alla prima lezione di oreficeria – ricorda Mario con emozione – che era quella la strada giusta per me, perché mi appassionai in brevissimo tempo alle tecniche di incisione e di lavorazione delle pietre”.

     

    Una volta terminato l'Istituto, Mario ha continuato a farsi esperienza presso alcuni laboratori orafi di Torre del Greco, dove ha appreso i segreti del mestiere. In seguito, a 19 anni, ha deciso di aprire il suo primo laboratorio di oreficeria a Torre del Greco, che ha mandato avanti per anni con passione e caparbietà.

     

    “Dell'oreficeria – dice l'artista – mi affascina in particolare il momento della creazione dell'oggetto, preceduto dalla fase di ideazione. E ogni volta che creo il mio gioiello provo la stessa emozione di quando da ragazzo lo feci a scuola per la prima volta”.

     

     

    Inoltre, tra le creazioni di Mario, non nel campo della gioielleria questa volta, ricordiamo anche il “Monumento all'Emigrante” di Santa Maria Infante, nel comune di Minturno, che ritrae un Pegaso in bronzo con occhi in topazio realizzato insieme all'artista Silvia D'Ardia per ricordare la storia degli abitanti del comune.  

     

    Ma tornando a My Jewel, il negozio propone al cliente la creazione di specifici gioielli su commissione, cercando di soddisfare al meglio qualsiasi sua esigenza, e si offre anche per il restauro di gioielli antichi.

     

    My Jewel di Mario Salzano vi aspetta in orario di apertura dalle 9 alle 13 e dalle 16 alle 20 tutti i giorni della settimana, esclusi il mercoledì pomeriggio e la domenica.

     

    Per informazioni: 055 2696130 e mail info@myjewel.it.

     

    CONTENUTO SPONSORIZZATO

    di Cosimo Ballini

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...