spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
domenica 14 Aprile 2024
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Nei campi e… in digitale: a San Casciano i giovani cercano il loro futuro in agricoltura

    Non solo guanti e forbici per potare gli ulivi e far maturare le uve. Tablet e smartphone sono i nuovi strumenti del corso AgriFormChianti

    SAN CASCIANO – Non solo guanti e forbici per potare gli olivi e curare le vigne.

    Tablet e smartphone sono i nuovi strumenti che il corso AgriFormChianti, attivato dall’agenzia formativa ChiantiForm, insegnerà ad usare alle nuove generazioni di contadini, ispirati dalla tradizione e allo stesso tempo lanciati in una nuova passione che “semina” anche nella terra… del web. 

    Agricoltura di precisione, droni sui campi, sensori lungo i filari, centraline meteorologiche e App per verificare i processi di vinificazione utilizzando i laboratori di analisi virtuali, affiancati a quelli reali.

    L’agricoltore 4.0 prende “campo” e inizia ad apprendere i segreti del mestiere che alterna metodi tradizionali a strumenti e tecniche interattive e digitali sin dall’uscita dalla scuola secondaria di primo grado.

    E’ l’opportunità formativa rivolta ai giovani di età compresa tra i 14 e i 18 anni, promossa dai Comuni di San Casciano, Greve in Chianti, Barberino Tavarnelle e Bagno a Ripoli attraverso le risorse ministeriali ottenute mediante il progetto regionale Giovani Sì. 

    Ha aperto i battenti la nuova classe della scuola triennale per l’istruzione professionale finalizzata alla formazione della figura di operatore agricolo.

    L’attività permetterà agli allievi l’acquisizione di tutte le competenze relative alle lavorazioni della terra e al settore agricolo e vitivinicolo.

    Un corso “smart” che crede e investe nel futuro dell’agricoltura tanto da introdurre quest’anno nuovi moduli e materie di insegnamento legati all’innovazione tecnologica e alle bioenergie.

    Il nuovo piano didattico-formativo, vario e diversificato, si propone di proiettare le ragazze e i ragazzi nella cultura digitale applicata alle lavorazioni agricole con l’obiettivo di introdurli più agevolmente nel mondo del lavoro e mantenere l’altissimo trend di crescita sul piano occupazionale raggiunto negli anni da Chiantiform.

    “La preparazione degli allievi – spiega la presidente di ChiantiForm Elisa Corneli – è potenziata con l’acquisizione di competenze relative a settori specifici come la filiera agroalimentare, le biomasse e le bioenergie, l’agricoltura di precisione e la digitalizzazione dei processi produttivi”.

    L’agenzia formativa Chiantiform è costituita dai Comuni del Chianti fiorentino.

    “La formazione specializzata proposta in in formula teorico-pratica che crea appeal e interesse nei più giovani sfocia in reali e concrete garanzie lavorative – dichiarano i sindaci Roberto Ciappi, Paolo Sottani, David Baroncelli e Francesco Casini – il 90 per cento dei ragazzi diplomati ha trovato un’occupazione e il 30 per cento è stato assunto a tempo indeterminato grazie ad una fitta rete di collaborazioni attivate con le aziende agricole locali”.

    Il percorso, composto da 3.165 ore complessive, forma gli allievi in uscita dalla scuola secondaria di primo grado e in abbandono scolastico.

    “Il nostro punto di forza – aggiunge la presidente Elisa Corneli – è l’attività a contatto con la natura, le lezioni si svolgono in aula e all’aria aperta, tra i campi di una delle aree più pregiate del mondo, il Chianti, con una modalità di apprendimento outdoor e un periodo di tirocinio nelle aziende del territorio”.

    A seguire i giovani, che in tre anni puntano a diplomarsi “Addetti agli interventi tecnici ed agronomici sulle coltivazioni e alla gestione di impianti, macchine ed attrezzature”, attestato riconosciuto a livello nazionale ed europeo, sono docenti e tutor altamente qualificati.

    Gli aspiranti contadini vengono formati nella conduzione delle produzioni arboree, erbacee ed ortofloricole, nella gestione degli impianti, delle macchine e delle attrezzature, nella pianificazione e organizzazione delle fasi di sviluppo dei processi, nella produzione aziendale, dalla trasformazione alla vendita dei prodotti, verifica e controllo delle attività.

    La scuola AgriFormChianti permetterà anche l’assolvimento all’obbligo scolastico.

    Altro corso lanciato da Chiantiform è quello che si propone l’obiettivo di formare di barman e addetti al servizio di sala dotati di competenze specifiche e altamente qualificate.

    Ragazzi tra i 15 e i 18 anni potranno imparare e appassionarsi alle diverse professioni dell’accoglienza turistica e della ristorazione grazie ad un corso biennale gratuito che prevede 800 ore di stage nelle strutture del territorio.

    Molti i bar, le caffetterie, i ristoranti, strutture ricettive e i circoli del Chianti che hanno aderito al progetto. Iscrizioni entro il 19 ottobre.

    La sede di Chiantiform è in via della Libertà a San Casciano. Iscrizioni aperte per entrambi i corsi. L’accesso è gratuito. Info e iscrizioni: 3493371547, email: info@chiantiform.it.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...