spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
giovedì 8 Dicembre 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    “Non fidarti”: l’ultimo singolo dei Refrain lanciato dal cuore di San Casciano

    Gabriele, Neri e Bernardo hanno scelto la piazza dentro le mura per presentarci ufficialmente il loro ultimo singolo. Scaricabile su Spotify

    SAN CASCIANO – Hanno scelto di lanciare il loro ultimo singolo, “Non fidarti”, dal cuore di San Casciano.

    Più precisamente dentro le mura, in piazza Samonà, accanto al Museo Giuliano Ghelli.

    Tre giovani appassionati di musica funk rock, i Refrain: Gabriele Caiani (sancascianese, chitarra e voce); Neri Poggi (mercatalino, batterista); Bernardo Lotti (sardo, sancascianese, fiorentino… bassista).

    Abbiamo avuto occasione di conoscerli nel febbraio 2020, poco prima che scoppiasse il Covid-19 in tutto il mondo, per il loro primo EP. Poi la pandemia.

    E nel frattempo?

    “E’ cambiato in breve tempo il mondo! – ci dice Gabriele con il suo “casco” di capelli ricci – Contando il lockdown e tutto quello che è stata la pandemia, che ha influito sull’attività musicale live, diciamo che è andata bene. Anche perché abbiamo venduto un po’ di CD e, con il ricavato, abbiamo finanziato il singolo “Non fidarti””.

    Come vi siete organizzati per provare i pezzi?

    “La difficoltà maggiore è stata durante il primo lockdown, con le sale di prova chiuse. Così, al primo “allentamento”, ci siamo ritrovati nel giardino di casa di Neri, in piena campagna, in attesa della riapertura delle sale. Abbiamo anche una novità: Bernardo userà un basso a sei corde”.

    La stagione 2020 è dunque saltata per i vostri concerti?

    “Siamo riusciti in estate a farne uno a Firenze al Titty Twister Club di Firenze, uno sul Poggione a San Casciano e uno alla Romola”.

    Com’è nato il singolo “Non Fidarti”?

    “E’ un pezzo scritto a sei mani. In realtà è un po’ datato, perché l’avevo scritto io, poi l’abbiamo sviluppato dandogli un’attitudine un po’ “funkeggiante”, ma andando avanti ci siamo accorti di una nostra evoluzione nel portare avanti un certo stile. Così abbiamo adattato il pezzo, ovvero dal funk verso il rock. Siamo orgogliosi di quanto abbiamo sviluppato perché è un FIT con un altro artista rapper di Firenze, tanto che si trova anche una sua strofa con un suo testo. Ma la musica è nostra”.

    Altri sogni nel cassetto?

    “A settembre vogliamo registrare il primo album, che pensiamo possa uscire nel 2022”.

    Abbiamo notato anche un vostro nuovo look…

    “Siamo vestiti tutti uguali per rappresentare questa nostra unità. Le giacche blu sono abbinate a “Non fidarti” perché è un pezzo che parlerebbe di non dare un certo peso alle parole e credere più in se stessi: e la fiducia è rappresentata dal colore blu”.

    Un vostro desiderio?

    “Tornare presto a esibirci in concerti live”.

    Nel frattempo sono arrivati anche il videomaker Mirko Pelacani e il fotografo Simone Federico: si fanno le riprese dentro le mura di San Casciano, per poi spostarsi a Firenze.

    E per tutti i fan dei Refrain adesso non resta che augurare un buon ascolto sulla piattaforma Spotify, godendosi… “Non fidarti”.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...







    I Cammini dell'Acqua