spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
lunedì 5 Dicembre 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Nuovi Fratelli, Benemerenze, un libro speciale, processione: la grande festa della Misericordia di San Casciano

    Si è chiusa domenica 2 ottobre, con una giornata speciale, la quattro giorni di celebrazioni in onore di Maria S.S.ma del Santo Rosario

    SAN CASCIANO – La tradizionale festa patronale della Misericordia di San Casciano, in onore di Maria S.S.ma del Santo Rosario, iniziata giovedì 29 settembre con il triduo in preparazione, è proseguita fino a domenica 2 ottobre.

    Quando si è chiusa con una giornata ricca di eventi: anche una breve processione, con la statua della Madonna portata in spalla dai Fratelli della Misericordia, con in testa il labaro della Venerabile Arciconfraternita, seguiti dai nuovi Fratelli.

    Che hanno portato tra le mani il candido camice bianco e il Rosario, per raggiungere la Propositura in piazza Cavour: per la Messa Solenne, la vestizione e la consegna delle Benemerenze.

    Presenti il sindaco Roberto Ciappi, la vicesindaca Elisabetta Masti, l’assessora alla cultura Maura Masini, l’assessore al bilancio Moreno Cheli, il consigliere regionale Massimiliano Pescini e il comandante della Stazione carabinieri Fabio Meli.

    Così, chiamati dal Governatore Marco Poli, si sono presentati davanti al proposto don Massimiliano Gori i nuovi Fratelli: Cristiano Sbrilli, Federico Cestelli, Lorenzo D’Autilia, Fernando Ruwanthi, Nicol Tacconi, Marco Gheri, Victoria Meshreki, Alexio Tudosa, Ewa Trela, Paolo Calosi, Nada Nannini, Fabio Biancalani, Rosa Modugno

    Che hanno potuto indossare la veste, tra gli applausi dei presenti alla Messa.

    Dopodiché sempre il Governatore Poli ha consegnato la medaglia e la pergamena ai Benemeriti: Lorenzo Nannoni, Cristiano Viciani, Flavia Frittelli, Raffaella Dainelli, Lea Acquisti, Lia Acquisti, Luana Rosadi, Luciano Socci, Alessandro Rossi.

    Inoltre sono stati consegnati i riconoscimenti alla memoria per Ruggero Lapiccirella e Elsa Giani.

    Al termine della cerimonia una sorpresa: grazie all’idea di Giovanna M. Carli e Susanna Gherardelli, fuori dalla Propositura è stato presentato il primo numero de “I quaderni della Misericordia di San Casciano – Aneddoti, appunti, ricordi, protagonisti ed eventi di una storia secolare”.

    A firma di Paolo Bacci, provveditore della chiesa e della Compagnia Mortuaria, a cura della stessa Misericordia di San Casciano.

    Misericordia San Casciano: aneddoti, appunti, ricordi, protagonisti ed eventi di una storia secolare

    Una bella iniziativa, che vedrà l’uscita di pubblicazioni su tutto ciò che Paolo Bacci ha annotato negli anni su un vecchio quaderno di scuola.

    Fissando, con la sua classica calligrafia, i vari momenti storici vissuti fin da ragazzino a servizio della chiesa della Misericordia sancascianese.

    Naturalmente Paolo ha firmato le copie a tutti quelli che si sono presentati davanti a lui, riempiendolo di complimenti.

    Nel pomeriggio, la statua della Madonna dalla Propositura è stata di nuovo portata in processione nella chiesa di Santa Maria sul Prato, dove è stato recitato il Rosario.

    Subito dopo è stato inaugurato e benedetto un nuovo mezzo per il trasporto di persone e disabili, donato alla Misericordia grazie contributo di Fondazione CR Firenze.

    A seguire il bellissimo e applauditissimo concerto del Corpo Musicale “Oreste Carlini”, diretto dal M° Andrea Gheri.

    E, a concludere la festa, il rinfresco offerto a tutti dalla Misericordia di San Casciano. 

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...







    I Cammini dell'Acqua