spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
domenica 26 Giugno 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Piange San Casciano, costretto a salutare uno dei suoi figli: a 65 anni scompare Guglielmo Visibelli

    Tecnico di teatro affermatissimo, fra i fondatori dell'Opera Festival di Firenze, Maestro dell'Insieme Polifonico “Clemente Terni”: con cui ha diretto il suo ultimo concerto, proprio a San Casciano

    SAN CASCIANO – In un grigio giovedì 23 dicembre si è spento, all’età di 65 anni, nella sua casa che guarda la bella piazza dell’Orologio (piazza Pierozzi), un altro sancascianese amante del suo paese, Guglielmo Visibelli.

    Legatissimo a San Casciano, ai suoi tanti amici, alla bella musica, al teatro, allo sport (è stato anche portiere della prima squadra della Sancascianese).

    Oltre al dolore dei suoi concittadini, in questi momenti stanno arrivando da tutta l’Italia le condoglianze di direttori di teatro, registi, scenografi.

    Guglielmo Visibelli era un bravissimo direttore tecnico di teatro, con grande coscienza artistica: ha creato generazioni di bravissimi tecnici, ha diretto festival importanti.

    E’ stato uno dei fondatori dell’Opera Festival di Firenze: sua l’invenzione del Tecno Coro, un coro comico composto di maestranze tecniche, teatrali e affini.

    Il padre, Giuseppe Visibelli (basso), era un componente del “Quintetto Polifonico Italiano” fondato da Clemente Terni nel 1950.

    E Guglielmo ha portato avanti negli anni questa sua grande passione di musiche religiose e profane, continuando negli studi con il Maestro del padre.

    L’ultima sua direzione l’ha condotta il 3 ottobre 2021 nel Cappellone di Sant’Antonio Abate, nel monastero delle Clarisse a San Casciano, in occasione del settecentesimo anno dalla morte di Dante Alighieri.

    # San Casciano, l’Oratorio di San’Antonio Abate, chiuso da tempo, riapre sulle note della musica

    In “La memoria musicale di Dante”, Guglielmo ha diretto l’Insieme Polifonico “Clemente Terni” seduto su una sedia, affrontando una dura fatica.

    Ma nel suo cuore c’era tanta gioia: lunghissimi gli applausi dai presenti, la maggior parte con le lacrime agli occhi. Tutti in piedi con un groppo alla gola, pensando che forse sarebbe stato l’ultimo concerto del loro amato amico.

    Era stata l’abbadessa, Suor Maria Livia, al termine del concerto a dire che Guglielmo Visibelli aveva voluto fortemente quel momento. Desiderandolo per tanto tempo e, finalmente, potendolo realizzare.

    Da venerdì 24 dicembre la salma è esposta nella chiesa della Misericordia, in piazzetta Simone Martini a San Casciano.

    Le esequie saranno celebrate nella Propositura di San Cassiano, in piazza Cavour, domenica 26 dicembre alle 16. 

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...