spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
giovedì 30 Giugno 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Pietro, sancascianese a Londra: la quarantena da Coronavirus nel Regno Unito

    "Fa impressione vedere Londra fermarsi completamente da un momento all'altro. Anche volendo non potrei rientrare"

    SAN CASCIANO – In questo momento di emergenza sanitaria (mondiale) da Covid-19 arriva da Londra la testimonianza di Pietro Bonciani, sancascianese classe 1989, che ormai da cinque anni lavora nella metropoli londinese.

    Dopo aver salutato il suo paese, Pietro era partito per il Regno Unito con tanti progetti in mente e l’ambizione di crearsi una nuova vita nella City, dove fin da subito è riuscito a trovare lavoro nel settore dell’abbigliamento.

    “Lavoro come visual merchandiser per un high-end fashion brand – dice Pietro – ma dal 23 marzo, in seguito all’aggravarsi dell’epidemia, sono a casa, perché l’azienda ci ha comunicato la sospensione dell’attività lavorativa per tre mesi. Fortunatamente continueremo a ricevere il nostro stipendio base; e questo non è poco, dato che alcune aziende hanno smesso di stipendiare i propri lavoratori”.

    Lontano da amici e parenti, anche Pietro vive ogni giorno la quarantena nell’appartamento londinese insieme ad altri due coinquilini, rispettando tutte le regole di sicurezza del caso, che nel Regno Unito prevedono solo due uscite di casa al giorno per rifornimento di beni di prima necessità e per svolgere attività fisica.

    “In questi giorni – continua Pietro – sono uscito solo per fare la spesa e per un giro in bicicletta di un’oretta, così ho la possibilità di svagarmi, perché restare in casa la maggior parte della giornata è una bella sfida per me. Inoltre, sempre indossando guanti e mascherina quando siamo fuori e rispettando due metri di sicurezza, abbiamo la possibilità di incontrarci con un’altra persona”.

    Londra, la città frenetica e viva h24, si è fermata da giorni, gravata da un pesante e improvviso silenzio che è sceso sulle sue strade deserte.

    Anche il London Eye, uno dei simboli della città, ha smesso di ruotare. Restano chiuse tutte le attività commerciali, a eccezione di farmacie, supermercati e negozi di alimentari.

    Mentre la metro è aperta, pur con tratte ridotte e meno frequenti, per permettere al personale medico sanitario e agli impiegati dei supermercati di raggiungere il luogo di lavoro.

    “Fa impressione – dice Pietro – vedere Londra fermarsi completamente da un momento all’altro, soprattutto pensando che qui nel Regno Unito siamo solo all’inizio, dato che abbiamo adottato le misure di sicurezza con un ritardo di circa due settimane rispetto all’Italia. E volendo non potrei rientrare in Italia dai miei familiari, ora che le frontiere sono state chiuse”.

    Pietro ha ottenuto la residenza in Inghilterra sei mesi fa, e già prima che l’epidemia cominciasse progettava di restare a Londra per continuare a costruire il suo futuro nella città.

    “Il momento è difficile per tutti – prosegue – però lo sto vivendo con serenità e tranquillità. La mia vita e il mio lavoro sono a Londra, mi sento parte di questa comunità, della città e al momento non riesco a vedere un futuro altrove”.

    “Eventualmente – conclude – se tra tre mesi l’azienda non mi assicurasse un’entrata, ci sarebbero dei problemi, perché in città la vita è molto costosa. In nostro aiuto stanno proponendo delle agevolazioni per chi risiede all’estero o è affittuario, ma ancora niente di ufficiale”.

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...