spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
sabato 10 Dicembre 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    E’ a canna corta mentre quella usata per i sedici omicidi era a canna lunga

    Alla fine è andata come immaginavamo, e si è "sgonfiata" quella che stando al quotidiano “La Gazzetta del Mezzogiorno” di venerdì 1 marzosembrava essere la notizia del secolo.

     

    Il titolo "Colpo di scena dalla Toscana alla Basilicata. La pistola senza padrone forse è del mostro di Firenze" ha fatto sobbalzare il cuore a molte persone. In particolare ai parenti delle vittime che per l’ennesima volta hanno sperato di riuscire a comporre il puzzle sulla famigerata arma usata per i 16 omicidi, e magari riuscire anche finalmente a dare un volto a chi ha impugnato quell’arma.

     

    Ma purtroppo per loro è stata un’ulteriore illusione e susseguente delusione: non era quella la pistola usata per uccidere. Non avendo la certezza che le foto pubblicate sul quotidiano fossero quelle della Beretta ritrovata in Basilicata non abbiamo voluto dare giudizi; ma quando ci è stato confermato che le foto ritraevano l’arma oggetto di inchiesta, il castello costruito attorno alla notizia è crollato.

     

    Non poteva infatti essere la pistola del mostro, perché il modello è di una Beretta calibro 22 a canna corta, mentre quella usata per gli omicidi delle coppie è una Beretta calibro 22 Long Rifle serie 70 a canna lunga (la differenza la notate nella foto che abbiamo pubblicato ad esempio). Cosa che ben sanno gli esperti dei carabinieri del Ris, i quali non hanno mai preso in considerazione che la Beretta trovata a Potenza, potesse essere quella utilizzata dal “Mostro”.

    di Antonio Taddei

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...







    I Cammini dell'Acqua