spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
lunedì 24 Giugno 2024
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    “San Casciano in Val di Pesa”: presentato il volume che racconta il territorio

    Molti i contributi scritti da tanti esperti "locali"; splendide le fotografie scattate da Roberto Germogli

    SAN CASCIANO – E’ stato presentato nella sala del consiglio comunale di San Casciano, domenica 19 maggio, il volume “San Casciano in Val di Pesa” (Edizione Polistampa, presente l'editore Mauro Pagliai). Libro sviluppato nel tempo, realizzato con il sostegno dell’amministrazione comunale.

     

    Un volume di cui c’era bisogno – ha scritto nell’introduzione il sindaco Massimiliano Pescini – per rappresentare la nostra terra nella sua unitarietà e complessità, grazie anche all’impegno di alcuni nostri giovani studiosi, in modo da lasciare una testimonianza a chi la visita o ne è ospite solo passeggero ed anche per chi ha la fortuna di amarla e di viverla ogni giorno".

     

     

    Un libro “fresco”, realizzato grazie anche al prezioso contributo di Sara Gremoli che è stata la curatrice, Chiara Molducci che ha curato l’introduzione, Leonardo Baldini, Barbara Arbeid, Francesco Bellini, Teresa Ulivelli, Nicoletta Matteuzzi, Cinzia Dugo, Francesco Fusi, Laura Berni, Mesi Bartoli, Nadia Bacic, Maria Vittoria Nervi, Andrea Settefonti e Catherine Frost che ha curato la traduzione in inglese.

     

    Ognuno di loro ha dato un contributo, per poi affidare le bellissime fotografie a un professionista, Roberto Germogli, "storico" fotografo-giornalista. Che con l’Agenzia Fotocronache è riuscito a immortalare eventi di cronaca e sport avvenuti non solo in Toscana, ma anche in tutta Italia e all’estero, come inviato.

     

    Germogli, sebbene fiorentino, ha iniziato un pezzo della sua vita professionale a San Casciano: ha girato in lungo e in largo il paese, andando a scovare angoli nascosti ma anche noti, riportati poi sull’elegante volume.

     

    A illustrare il volume al pubblico è stato Roberto Cacciatori, sfogliando e spiegando le pagine di quest’ultimo libro: Cacciatori che ha ricevuto dai presenti un lungo applauso per la sua passione e amore verso il territorio.

     

    Non potevano mancare le foto storiche degli archivi fotografici del Gruppo Culturale “La Porticciola” e dell’Associazione culturale Fotografica “L’arsomiglio”; così come gli uomini illustri nativi di San Casciano e le presenze illustri legati al Paese.

     

    Qui tutte le info dettagliate sul libro.

     

    di Antonio Taddei

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...