spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
lunedì 24 Giugno 2024
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Pulizia della vasca nel Piazzone: fra i pesci rossi spunta una tartaruga abbandonata

    Era già successo in passato: incompatibile con i pesci della vasca, dovrebbe essere "adottata" da qualcuno

    SAN CASCIANO – San Casciano si prepara a festeggiare il santo patrono, il prossimo 13 agosto.

    Così nella mattina di ieri, mercoledì 9 agosto, gli operai del Comune hanno svuotato la vasca per rendere più accogliente il parco in piazza della Repubblica, il “Piazzone”. 

    E tra i pesci rossi è uscita fuori anche una tartaruga d’acqua, simile a quelle che si comprano alle fiere.

    Probabilmente quella trovata nella vasca è stata messa lì di proposito da qualcuno.

    O perché le dimensioni non erano più tali da poter stare in una vaschetta, oppure hanno pensato bene di lasciarla per andare tranquillamente a trascorrere le ferie.

    Purtroppo la tartaruga in questione non è compatibile con le altre specie, in particolare con i pesci, e andrebbe tolta.

    Ma dove portarla? La sua presenza ci era stata segnalata da una nostra lettrice che già alcune settimane fa ci aveva inviato anche una foto.

    A dire il vero non è la prima volta che succede un fatto del genere: già l’anno scorso fu abbandonata un’altra tartaruga d’acqua, di dimensioni molto più piccole, tanto che fu presa e “adottata” in una vaschetta per la felicità di un bambino.

    ©RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...