spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
martedì 23 Luglio 2024
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Guanti e ramazze, è il giorno delle pulizie collettive tra San Casciano e La Romola

    Cittadini e assessori impegnanti a togliere i rifiuti abbandonati nelle aree pubbliche

    SAN CASCIANO – San Casciano è impegnata nelle pulizie straordinarie del territorio. La giornata green nel capoluogo e nella frazione della Romola è promossa dal Comune con l'obiettivo di coinvolgere e sensibilizzare i cittadini sul tema del rispetto del patrimonio pubblico e della vivibilità legata al decoro urbano.

     

    La giunta Pescini ha invitato per la mattina di sabato 18 giugno i cittadini a rimuovere i rifiuti abbandonati e a dare una mano nella pulizia delle aree verdi nella aree pubbliche più frequentate dalla cittadinanza insieme ai volontari delle associazioni locali che aderiranno all'iniziativa.

     

    L'assessora all'ambiente Consuelo Cavallini è con i cittadini che ripuliscono il Piazzone (giardini di Piazza della Repubblica), mentre l'assessore Roberto Ciappi si è unito ai volontari presso i giardini di via I maggio alla Romola. Si sono armati di guanti e ramazza i volontari della Racchetta, della Protezione civile, della Misericordia di San Casciano e Mercatale, dei Circoli Arci e Acli, delle associazioni Auser e Anteas.

     

    “Invitiamo i cittadini – commenta Cavallini – ad aderire all'iniziativa, il gesto di ognuno di noi, se moltiplicato e consapevole, può rivelarsi determinante per rendere il territorio più vivibile e pulito”.

     

    Altro intervento organizzato dall'assessorato all'ambiente con la collaborazione dei volontari della Racchetta è la rimozione di rifiuti ingombranti tra cui materassi e materiale edile rilevati in via di Luiano.

     

    di Redazione

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...