spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
martedì 27 Settembre 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Alle Quattro Strade: hanno provato anche a strapparle gli orecchini, lei ha reagito con il bastone

    QUATTRO STRADE (SAN CASCIANO) – Rapina ai danni di una signora alla soglia dei 90 anni. E’ avvenuta nei giorni scorsi nella frazione delle Quattro Strade, tra Mercatale e Campoli.

     

    Un fatto analogo era avvenuto alla fine del mese di agosto a San Casciano: qui era stato raggirato un signore al quale, senza accorgersene, era stata portata via la catenina d’ora che aveva al collo e i soldi dal portafoglio (clicca qui per leggere l'articolo).

     

    E sembra proprio che colorono che hanno "colpito" alle Quattro Strade possano essere gli stessi di San Casciano.

     

    A raccontarci quanto avvenuto è la signora, vicina a compiere 90 anni: "Mi trovavo nel giardino di casa, erano circa le 10 quando una macchina si è fermata accostandosi alla ringhiera. All’interno c’era un uomo alla guida e due donne".

     

    Ricorda il colore dell’auto?

    "Grigio chiaro, ed era una bella macchina. Subito dopo è scesa una donna che, tra l’altro, non parlava bene l’italiano. E dopo avermi salutato mi ha chiesto dove poteva trovare una farmacia. Subito la indirizzai a Mercatale e a quel punto mi chiese se potevo guardare su una cartina che aveva tra le mani. Essendo operata agli occhi gli dissi che non ero in grado di leggerla, e lei insistendo cercava di avvicinarmi alla ringhiera".

     

    Quindi?

    "A quel punto m’immaginai che mi volesse raggirare, così cercai di avviarmi verso la porta di casa appoggiandomi al bastone poiché cammino male. A un tratto la macchina venne indietro verso il cancello, scese anche l’altra donna e di corsa mi raggiunsero vicino alla porta di casa. Una mi trattenne per un braccio, mentre l’altra mi strappò la catenina d’oro che avevo al collo. Ebbi una gran paura, ancora di più quando tentarono di strapparmi gli orecchini. Pensi, li avevo acquistati il giorno prima, ma nonostante il maldestro tentativo non ci riuscirono".

     

    A quel punto?

    "Decisero di scappare, d'altronde eravamo praticamente sulla strada, forse hanno avuto paura che potesse arrivare qualcuno. Nel frattempo provai a chiamare mia nipote, ma purtroppo non era in casa. Così attesi l’arrivo di mio marito: ero distrutta, mi tremavano le gambe, mi tremava la voce, credevo di sentirmi male. Pensi che dalla paura per alcune notti non sono riuscita nemmeno a dormire".

     

    E’ dovuta ricorrere alle cure in ospedale?

    "No, a parte gli orecchi doloranti e rossi. Comunque gli orecchini non sono riusciti a prendermeli e sicuramente a una delle due donne una bacchettata sono riuscita a tirargliela, anche se è servito a poco".

     

    Un episodio triste e vile consumato ai danni di una donna anziana, le cui conseguenze potevano certamente essere peggiori. Adesso nella zona vivono con una certa apprensione e c’è chi ha raccontato che sulle cassette della posta sono stati trovati degli strani segni, subito rimossi.

     

    Non rimane che fare i migliori auguri alla signora, attribuendole anche l’appellativo di “nonna coraggiosa”. Perché ha affrontato e “bacchettato” con il proprio bastone le due donne giovani e vigliacche, riuscendo a metterle in fuga. Il caso è stato immediatamente denunciato ai carabinieri di San Casciano.

    di Antonio Taddei

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...