spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
sabato 20 Agosto 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Rifiuti abbandonati lungo via di Luiano: i carabinieri forestali individuano il responsabile da un adesivo

    Un uomo stava vendendo il negozio e aveva affidato a una ditta la demolizione e rimozione del cartongesso: segnalato all'autorità giudiziaria (insieme al titolare della ditta)

    LUIANO (SAN CASCIANO) – Alla fine sono stati segnalati in due all’autorità giudiziaria: il titoalre di un negozio (in fase di vendita) e quello della ditta incaricata della demolizione e rimozione di cartongesso.

    Ma andiamo per ordine: i militari della Stazione carabinieri forestale di San Casciano, durante un servizio di controllo volto alla prevenzione e repressione dei reati contro l’ambiente, hanno rinvenuto un abbandono di rifiuti di varia natura in una piazzola al margine della strada comunale via di Luiano, nel comune di San Casciano. Che collega la zona di Mercatale con il fondovalle della Greve.

    I carabinieri forestali hanno proceduto ad ispezionare il cumulo di rifiuti, cercando di rilevare la presenza di documenti, etichette o altro che consentisse di identificare i responsabili dell’abbandono.

    Nel cumulo di rifiuti, costituito da pezzi di cartongesso, staffe metalliche, pezzi di legno truciolare, tubi di plastica, plafoniera con lampada al neon, è stato trovato un adesivo con riportata una scritta e numero telefonico.

    La persona collegata all’utenza telefonica è stata immediatamente contattata per fornire spiegazioni in merito ai materiali ritrovati.

    Si è così scoperto che, a seguito della vendita di un negozio, il venditore si era impegnato a demolire una struttura in cartongesso, dando l’incarico ad una ditta di pulizie e sgombero.

    L’uomo non si era tuttavia preoccupato di verificare se la ditta cui affidava i rifiuti fosse autorizzata alla gestione degli stessi, quindi iscritta all’Albo gestori ambientali, né di sapere quale sarebbe stata la loro destinazione finale.

    Quest’ultima aveva proceduto alla demolizione delle strutture ed al deposito del materiale di risulta in modo abusivo, nel luogo individuato dai carabinieri forestali.

    Ovviamente, sprovvista del formulario di identificazione rifiuti (FIR), che è il documento di accompagnamento del trasporto dei rifiuti, effettuato da un trasportatore autorizzato che deve contenere tutte le informazioni relative alla tipologia dei rifiuti, al produttore, al trasportatore ed al destinatario.

    Sono stati dunque segnalati all’autorità giudiziaria il produttore/detentore dei rifiuti e il titolare della Ditta di traslochi e un suo collaboratore per gestione illecita di rifiuti, in base al Testo Unico Ambientale.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...