spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
martedì 7 Febbraio 2023
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Bilancio 2018, diritto allo studio e sociale: le priorità della giunta Pescini

    Piano di investimenti da circa 5 milioni di euro per i prossimi tre anni. Tariffe e tributi restano inalterati

    SAN CASCIANO – Tariffe e tributi invariati per il 2018, servizi alle famiglie e un ricco piano di investimenti, spalmato su tre annualità fino al 2020, pari a circa 5milioni di euro. La giunta Pescini sforna in tempi record il bilancio di previsione ottenendo il varo del Consiglio comunale alla fine di dicembre.

     

    Buone notizie per le tasche dei cittadini. Sono state confermate sul piano fiscale le disposizioni in vigore nel 2017 come l’abolizione della Tasi sull’abitazione principale, l’esenzione dell’Imu sui terreni agricoli, la riduzione Imu/Tasi per alcune categorie di immobili, il divieto di incremento dei tributi e l’abolizione del patto di stabilità sostituito da pareggio di bilancio.

     

    Rimangono congelate anche le tariffe relative ai servizi individuali come la refezione e il trasporto scolastici, le rette per l’asilo nido, le tariffe per servizi cimiteriali e le sanzioni amministrative. In linea con il lavoro degli anni precedenti, il Comune di San Casciano destina le sue risorse in particolare ai capitoli del diritto allo studio e delle politiche sociali.

     

    Sono questi alcuni dei punti cardine dell’impegno della giunta Pescini che, tra le voci delle spese correnti per missioni, riserva all’istruzione e al sociale circa quattro milioni di euro complessivamente.

     

    “Un aspetto qualificante del nostro lavoro è la riduzione dell’indebitamento pubblico – dichiara il vicesindaco Donatella Viviani – dai trenta milioni di euro nel 2009 l’andamento del debito residuo è andato gradualmente calando fino a dimezzarsi, nel 2018 l’importo ammonta a circa 14milioni di euro”.

     

    Quanto al piano triennale delle opere pubbliche, il Comune ha individuato le priorità che mirano a riqualificare, migliorare, potenziare la sicurezza e creare spazi nuovi per la comunità scolastica, culturale, sociale.

     

    Nell’agenda del 2018, un milione e mezzo di euro circa di investimenti, figurano la manutenzione straordinaria di un consistente pacchetto di viabilità, il rifacimento della copertura della palestra di via Montopolo, il secondo stralcio per la realizzazione del cantiere comunale e il primo stralcio dell’opera di restauro delle mura medievali di San Casciano, nel tratto più antico, situato in via dei Fossi.

     

    Nel 2019 l’opera di riqualificazione, con una spesa stimata analoga all’anno precedente, prosegue con gli interventi di restyling delle piazze Tellini e piazza Cavour (primo stralcio), la valorizzazione del centro storico della Romola e l’ampliamento del cimitero della frazione, la realizzazione di un percorso pedonale tra via Mucciana e via Empolese e la costruzione di una nuova struttura sportiva.

     

    Per quanto riguarda il 2020, l’investimento supera i 2milioni di euro per realizzare il miglioramento sismico della scuola media, il terzo stralcio della Circonvallazione nord di San Casciano e l’ampliamento e la ristrutturazione dei cimiteri di Montefiridolfi e del portico del camposanto di San Casciano. Anche per l’ultima annualità l’amministrazione comunale ha messo in cantiere la sicurezza stradale con il risanamento dei tratti più critici.

     

    di Redazione

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...